Emis Killa debutta in classifica al 1° posto con “Terza Stagione”

Il nuovo album di Emis Killa, “Terza Stagione”, ha debuttato al primo posto in classifica: ma le polemiche non accennano a fermarsi.

“Terza Stagione” di Emis Killa è appena uscito nei negozi di dischi e nei digital store ed è già record: il rapper, infatti, ha debuttato al primo posto delle chart degli album più venduti in Italia, seguito da Nek e dal trio canterino Il Volo.

Emis ha tenuto a ringraziare sulla sua fan page di Facebook i fan che stanno acquistando il suo album:

“Terza stagione è ufficialmente il disco più venduto in Italia !!!!!
Grazie a tutti coloro che lo hanno comprato e anche ai miei amici che hanno contribuito alla riuscita dell’album.
Questo rappresenta per me l’ennesimo importante traguardo. È bello Sapere che non ve ne siete mai andati. Grazie grazie e ancora grazie.”

La polemica

Emis Killa non può festeggiare serenamente il suo primo posto in classifica per il suo nuovo album “Terza Stagione”: la polemica per il suo brano “3 Messaggi in Segreteria”, che a qualcuno è parsa una istigazione allo stalking e al femminicidio, non si è ancora del tutto placata. Emis ha già risposto alle terribili accuse, con un post che ha fatto il giro del web.

“Ho scelto un metodo brusco, diretto, cattivo, e soprattutto in prima persona, perché so che è il più efficace e mi appartiene, e infatti si sta alzando un polverone, che è quello che mi aspettavo, per poter porre l’attenzione su uno degli aspetti più brutti di questa società.
Come artista è mio privilegio e mio compito raccontare storie e far pensare chi mi ascolta.
Quando creo canzoni creo mondi, a volte colorati, a volte crudi. Nelle canzoni racconto la realtà, che a volte è orribile, a volte è sbagliata, ma mai possiamo far finta che non esista.”

La polemica non accenna a diminuire perché qualcuno obietta che il pubblico del rapper è molto giovane e può non aver capito il suo intento di sensibilizzazione, pur se alternativo. Killa ha detto al riguardo:

“Non temo assolutamente che qualcuno pensi ad emulare il personaggio che interpreto, sarebbe come temere che chi legge gialli poi diventasse un serial killer.”

Foto tratta da Facebook Emis Killa

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 25-10-2016