Eminem, Recovery: album della speranza per il maestro del rap

Eminem, Recovery mette (quasi) a tacere le critiche: l’album convince più dei precedenti, l’arte nelle rime resta invariata ma c’è una crescita intellettuale e una sperimentazione musicale.

Dopo le ultime delusioni, i fans di Eminem si godono Recovery, l’ultimo lavoro in studio del famosissimo rapper dato ormai per finito (o quasi) come capita di fatto a tutti i bad boys che superano la soglia degli –anta. Figuriamoci allora lo scetticismo che circonda Eminem, a metà strada tra i quaranta e i cinquant’anni. Costretto a faticare il doppio per mantenere alto il livello della sua credibilità, con Recovery l’artista mette in mostra un’inaspettata maturità. Di fatto ha smesso di competere con il sé stesso che fu per fare posto e spazio a nuove idee che non riescono però a fargli accantonare del tutto il passato.

Eminem, segnali di ripresa con Recovery

Soprattutto in Italia sono passati di moda i rapper americani, quelli che sputano veleno con la pistola in mano e parlano dei ghetti, quelli veri, eppure Eminem continua a conservare il suo fascino quasi sacrale. Chi lo ha ascoltato nei suoi tempi d’oro non può fare a meno di ascoltare i suoi lavori, anche solo per curiosità. La speranza è quella di trovare una nuova canzone da imparare a memoria (quasi un’impresa) e Recovery qualche buona emozione la trasmette. Siamo lontani dai successi travolgenti di un tempo, ma non possiamo non apprezzare i progressi (anche intellettuali) dell’artista, più impegnato, più pungente, più informato anche. Il suo non è più un lungo sfogo, ma un’introspezione in diciannove canzoni che affronta temi importanti. Il rischio è che l’album venga accolto come auto-celebrativo (e a volte lo sembra), ma il piano di fondo è ben diverso.

Cambia Eminem e cambia anche il genere che si converte a nuove musicalità, a tratti troppo pop, a tratti più convincenti grazie all’ingresso in scena delle chitarre. Insomma, il vecchio Eminem in nuove vesti. E nonostante l’età possiamo dire che la strada è quella giusta.

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 02-01-2018