David Bowie ha dato vita a cinque iconici personaggi che hanno scandito le varie fasi della sua incredibile e mutevole carriera musicale.

David Bowie è stato uno degli artisti più camaleontici di sempre della musica internazionale. Non solo ha scritto alcune delle canzoni più iconiche del XX secolo, ma non ha mai smesso di reinventarsi. La star, deceduta il 10 gennaio 2016, all’età di 69 anni, è stata spesso definita un camaleonte del rock ‘n’ roll, sebbene si trasformasse invece di mimetizzarsi: i suoi personaggi – spesso sgargianti – erano costantemente in anticipo rispetto alle mode. Scopriamo insieme quali sono stati i personaggi che lo hanno reso un vero e proprio ambasciatore del glam rock.

David Bowie nei panni di Ziggy Stardust

Ziggy Stardust è forse l’incarnazione più famosa di David Bowie, arrivata sulle scene con l’uscita del suo quinto album The Rise and Fall of Ziggy Stardust and the Spiders From Mars nel 1972.

David Bowie
David Bowie

Si è esibito nei panni di Ziggy Stardust, una rock star aliena androgina dai capelli fiammeggianti, intenzionata a portare un messaggio di speranza ai giovani della Terra.

Una foto di Ziggy Stardust:

Quando Bowie e la sua band suonarono il singolo di successo dell’album, Starman nello show musicale britannico “Top of the Pops nel 1972, Bowie avvolse il suo braccio intorno al chitarrista Mick Ronson. Bowie aveva recentemente detto alla rivista musicale britannica Melody Maker di essere gay e – in una successiva intervista – affermò, invece, di essere bisessuale. Il gesto verso il suo chitarrista maschio fu visto – da molti all’epoca – come eccessivamente effeminato ma, in seguito, definito come un momento importante in un paese alle prese con mutevoli reazioni sugli orientamenti sessuali.

David Bowie come Duca Bianco

Solo quattro anni dopo aver presentato al pubblico l’abbagliante Ziggy Stardust, Bowie abbandonò i capelli stravaganti, il trucco e la tuta in favore di una camicia bianca molto più sobria, un gilet nero e capelli biondi lisci. Questo personaggio era il Duca Bianco, un soprannome – ancora usato oggi – per riferirsi all’artista britannico. Fu in quel periodo che ottenne il suo primo numero 1 negli Stati Uniti n. 1, con Fame, che fu co-scritto da John Lennon.

La foto del Duca Bianco:

Quello è stato per Bowie un periodo di tossicodipendenza e profondo stress emotivo per Bowie. Nel 1975, a Los Angeles “viveva un’esistenza nascosta, scollegata dal mondo reale”, scrisse David Buckley nel suo libro del 1999, Strange Fascination: David Bowie – The Definitive Story.

Viveva portando avanti una dieta a base di peperoni rossi e verdi bagnati nel latte e metteva in atto in comportamenti strani come conservare la sua urina nel frigorifero in modo che “nessun altro mago potesse usarla per incantarlo“, secondo il libro.

Major Tom, il primo personaggio di David Bowie

Bowie ha annunciato – per la prima volta – la sua passione per il personaggio con la canzone del 1969, Space Oddity, la storia di un astronauta immaginario chiamato Major Tom che rimane bloccato nello spazio. Il singolo fu rilasciato nello stesso anno del primo sbarco sulla Luna. Il guardare alle stelle è stato un tema ricorrente della carriera dell’artista.

Per il maggiore Tom è stato elaborato un reboot nel 21 ° secolo quando l’astronauta canadese Chris Hadfield ha eseguito la canzone a bordo della Stazione Spaziale Internazionale. Il video di accompagnamento registrato sulla ISS ha avuto quasi 50 milioni di visualizzazioni su YouTube.

Aladdin Sane, il Bowie iconicamente più famoso

Incallito frequentatore di feste, Aladdin Sane è stato definito dal fulmine rosso e blu dipinto sul suo viso. L’omonimo album del personaggio nel 1973 fu accolto con meno consensi dalla critica.

Ecco una foto:

Il personaggio – il cui nome è un gioco di parole sulla frase “A Lad Insane” – piacque, ad ogni modo. L’album raggiunse, invece, la posizione numero 17 nelle classifiche degli album degli Stati Uniti e consolidò la sua celebrità in America.

Jareth il Re dei Goblin

Oltre a registrare l’incredibile cifra di 25 album in studio, Bowie ha fatto diverse incursioni importanti nel mondo del cinema. Ha interpretato il fisico del XIX secolo, Nikola Tesla, nel film del 2006 The Prestige, diretto da Christopher Nolan, al fianco di Christian Bale, Hugh Jackman e Scarlett Johansson.

La foto di Jareth, il re dei Goblin:

Tuttavia, è meglio conosciuto per la sua interpretazione di Jareth il Re dei Goblin nell’epic fantasy del 1986, Labyrinth Dove tutto è possibile. Il film è diventato un cult, anche grazie al fatto che l’artista eseguì la canzone Magic Dance.

TAG:
david bowie Rock strillo

ultimo aggiornamento: 11-01-2021


Il significato di Guccy Bag, il singolo virale di Sangiovanni

Sanremo 2021: Ermal Meta, un Big tra i Big