Kelis in Italia nel 2020: la data e i biglietti del primo concerto della cantante americana nel nostro paese.

Kelis arriva per la prima volta in Italia. La cantante di Milkshake festeggia i vent’anni di carriera (il suo album di debutto, Kaleidoscope, è uscito nel 1999) con un tour in giro per il mondo. E stavolta ha annunciato anche una data nel nostro paese, la prima della sua carriera.

Andiamo a scoprire tutti i dettagli sul concerto che vedrà protagonista una delle cantanti che ha segnato i primi anni Duemila nel mondo dell’R&B e dell’hip hop.

Kelis in Italia nel 2020: data e biglietti

Il concerto italiano dell’artista di Trick Me è previsto per il 12 marzo 2020 al Fabrique di Milano. Con tutta probabilità rimarrà l’unico appuntamento dal vivo di Kelis in Italia per il 2020, e forse anche più a lungo.

I biglietti per poter assistere a questo live molto speciale sono in prevendita dal 20 novembre per gli iscritti di My Live Nation, mentre la vendita generale è in programma dal 22 novembre.

Kelis
FONTE FOTO: https://www.facebook.com/i.am.kelis

Chi è Kelis

Cantante newyorkese classe 1979, Kelis ha debuttato nel 1999 con l’album Kaleidoscope, raggiungendo fin da subito un discreto successo. Il suo sesto e finora ultimo disco, Food, risale al 2013. Nel corso della sua carriera ha avuto modo di collaborare con artisti di fama internazionale.

Tra questi citiamo Bjork, con cui ha lavorato per la canzone Oceania del 2004. Ma anche David Guetta, che ha ospitato la sua voce nel brano Acapella, e Calvin Harris, che l’ha invece voluta con sé per il Bounce.

In America è conosciuta anche per la sua vita privata, visto che è stata sposata per cinque anni, dal 2005 al 2010, con il noto rapper Nas. Dopo il divorzio, si è sposata una seconda volta nel 2014 con Mike Mora.

Di seguito Trick Me, la sua canzone più famosa:

FONTE FOTO: https://www.facebook.com/i.am.kelis

TAG:
Bjork Concerti Kelis news

ultimo aggiornamento: 19-11-2019


Amici 19: scoppia la polemica per i testi del rapper Skioffi

Ivano Fossati presenta l’album con Mina: “Solo lei poteva riportarmi in studio”