Pitchfork: la classifica dei 50 migliori album del 2019. In testa c’è Lana Del Rey con Norman Fucking Rockwell.

A pochi giorni dalla conclusione di questo 2019 scoppiettante nel mondo della musica, il sito Pitchfork ha reso nota la propria classifica dei 50 dischi migliori dell’anno.

In testa c’è Lana Del Rey, ma non mancano i grandi artisti ben rappresentati in questa lista. Andiamo ad analizzare nel dettaglio quali sono state le scelte della redazione di una delle webzine di critica musicale più importanti al mondo.

Pitchfork: l’album migliore del 2019 è di Lana Del Rey

Il primo posto secondo la nota rivista è dunque il nuovo album di Lana Del Rey, Norman Fucking Rockwell!, un disco a lungo atteso ma che ha pienamente rispettato le aspettative.

Seconda piazza per il nuovo disco di FKA Twigs, una delle artiste britanniche più interessanti degli ultimi anni, terzo invece per Big Thief. Spiccano poi il sesto posto di Bad Bunny, il 14esimo di Beyoncé, il 28esimo di Nick Cave, il 29esimo di Ariana Grande e il 40esimo di Thom Yorke.

Sorprende il 21esimo posto dell’album dell’anno secondo molti critici, When We All Fall Asleep, Where Do We Go? di Billie Eilish.

Lana del Rey
Lana del Rey

La classifica dei migliori album del 2019 secondo Pitchfork

Questa la graduatoria completa di Pitchfork:

1 – Norman Fucking Rockwell! di Lana Del Rey

2 – Magdalene di FKA twigs

3 – U.F.O.F. di Big Thief

4 – All Mirrors di Angel Olsen

5 – When I Get Home di Solange

6 – X 100pre di Bad Bunny

7 – This Is How You Smile di Helado Negro

8 – Agora di Fennesz

9 – Titanic Rising di Weyes Blood

10 – Purple Mountains di Purple Mountains

11 – Legacy! Legacy! di Jamila Woods

12 – Jaime di Brittany Howard

13 – Two Hands di Big Thief

14 – Homecoming: The Live Album di Beyoncé

15 – Shepherd in a Sheepskin Vest di Bill Callahan

16 – i,i di Bon Iver

17 – House of Sugar di (Sandy) Alex

18 – Immunity di Clairo

19 – Quiet Signs di Jessica Pratt

20 – The Practice of Love di Jenny Hval

21 – When We All Fall Asleep, Where Do We Go? di Billie Eilish

22 – Reward di Cate Le Bon

23 – Igor di Tyler, the Creator

24 – No Home Record di Kim Gordon

25 – Father of the Bride dei Vampire Weekend

26 – African Giant di Burna Boy

27 – Emily Alone di Florist

28 – Ghosteen di Nick Cave & the Bad Seeds

29 – thank u, next di Ariana Grande

30 – Basking in the Glow di Oso Oso

31 – Tears of Joy di Mike

32 – Remind Me Tomorrow di Sharon Van Etten

33 – Die a Legend di Polo G

34 – Nothing Great About Britain di slowthai

35 – Patience di Mannequin Pussy

36 – ZUU di Denzel Curry

37 – Miss Universe di Nilufer Yanya

38 – Export di Rap

39 – Designer di Aldous Harding

40 – Anima di Thom Yorke

41 – Hidden History of the Human Race di Blood Incantation

42 – 1000 gecs di 1000 gecs

43 – Anger Management di Rico Nasty / Kenny Beats

44 – Proto di Holly Herndon

45 – Baby on Baby di DaBaby

46 – Punk di Chai

47 – Utility di Barker

48 – uknowatimsayin di Danny Brown

49 – Atlanta Milionaires Club di Faye Webster

50 – Crush di Floating Points

Di seguito il video di Doin’ Time di Lana Del Rey:

TAG:
news Pitchfork

ultimo aggiornamento: 11-12-2019


Emma Marrone annuncia il suo ritorno ad Amici

Ed Sheeran nominato ‘Artista britannico del decennio’