Bruce Springsteen, che show a Milano!

Perché i Green Day si chiamano così?

Bruce Springsteen non ha deluso i 60.000 di San Siro che ieri sono accorsi per il primo dei due concerti milanesi, prima della tappa a Roma del 16 luglio.

Un concerto che non ha tradito le aspettative dei fan che ieri sera, a San Siro, hanno assistito al live di Bruce Springsteen, il primo dei tre italiani visto che domani il Boss bisserà a San Siro e il 16 luglio sarà a Roma, al Circo Massimo. Un concerto lungo e coinvolgente: Springsteen e la sua E Street Band si sono infatti esibiti per 3 ore e 45 minuti, durante le quali hanno coinvolto i 60.000 presenti a San Siro, teatro del sesto concerto nella carriera dell’artista del New Jersey. Un grande spettacolo che si è aperto con una gradita sorpresa, qualcosa di inaspettato: quando ancora mancavano un paio d’ore al concerto ma già la folla di fan era lì ad attendere l’inizio dello show, ecco apparire Bruce Springsteen per un regalo. La versione acustica di Growin’ up ha rappresentato una sorta di pre-show, prima che la serata vera e propria prendesse il via.

Il The River Tour celebra la riedizione del capolavoro del Boss

Il Boss ha fatto capolino allo stadio milanese, ha eseguito il brano, ha dato l’arrivederci agli spettatori per lo start del live. E non ha affatto deluso, come era auspicabile.

Il tour di Springsteen, il The River Tour, promuove la riedizione del capolavoro del 1980, visto che il Boss ha pubblicato qualche mese fa il cofanetto intitolato “The ties that bind: The River Collection”. Qualche inedito, qualche chicca e qualche rarità per i fan, comprese anche alcune cover che l’artista ha inserito nel cofanetto stesso.

La scaletta del concerto di San Siro di ieri sera

Ma ecco la lunga scaletta di Springsteen, compresi i brani che ha eseguito per il lungo bis, quando come al solito è stato richiamato sul palco.

– Land of Hope and Dreams
– The ties that bind
– Sherry Darling
– Spirit in the Night
– My Love Will Not Let You Down
– Jackson Cage
– Two hearts
– Independence day
– Hungry heart
– Out in the Street
– Crush on You
– Lucille (cover di Little Richard, prima esecuzione nel “The river tour 2016”)
– You Can Look (But You Better Not Touch)
– Death to My Hometown
– The River
– Point Blank
– Trapped (cover di Jimmy Cliff)
– The promised land
– I’m a Rocker
– Lucky Town
– Working on the Highway
– Darlington County
– I’m on Fire
– Drive All Night
– Because the Night
– The Rising
– Badlands
Ecco i brani che ha cantato in occasione del primo bis:
– Jungleland
– Born in the U.S.A.
– Born to run
– Ramrod
– Dancing in the Dark
– Tenth Avenue Freeze-Out
– Shout (cover degli Isley Brothers)
Per il secondo bis, invece, ha eseguito Thunder Road in acustico.

Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 04-07-2016

Ivana Crocifisso

Per favore attiva Java Script[ ? ]