Beyoncé, Moon River: la versione della cantante americana del celebre brano simbolo del film Colazione da Tiffany con Audrey Hepburn.

Beyoncé è sempre più glamour, anche nella musica. La cantante ha prestato la sua voce al nuovo spot della celebre maison di gioielleria Tiffany. Una maison legata indissolubilmente nell’immaginario collettivo alla pellicola di Blake Edwards Colazione da Tiffany del 1961, il film che consacrò per sempre nel mito Audrey Hepburn, attrice divenuta icona d’eleganza a livello mondiale. E proprio in quel film era presente un brano diventato leggendario quanto la performance della stessa Audrey: Moon River, trasformato da Beyoncé in una nuova versione di grandissima intensità.

Beyoncé
Beyoncé

Beyoncé canta Moon River

La neo 40enne Beyoncé Knowles si è regalata una straordinaria performance, una perla assoluta, la cover di Moon River per un nuovo spot Tiffany. Con la sua incredibile voce la cantante è riuscita a dare nuova vita a un brano ormai di 60 anni fa, emozionando ancora una volta tutti i suoi fan. Di seguito l’audio ufficiale:

Moon River: una canzone leggendaria

Inserita nella colonna sonora di Colazione da Tiffany, Moon River è un brano scritto da Johnny Mercer ed Henry Mancini, entrato nella leggenda proprio grazie al successo della pellicola di Blake Edwards. La sua è una storia molto particolare. Fu infatti cantata dalla stessa Audrey nel film diventato leggenda, ma nella sua versione in studio fu incisa da Mancini insieme al suo coro. Fu questa versione a vincere, tra l’altro, un Grammy nel 1961 e poi un altro nel 1962, mentre nel 1999 venne premiata dall’Academy con un Hall of Fame Award.

Prima di Beyoncé, a coverizzarla sono stati tantissimi altri artisti americani e non, da crooner leggendari come Frank Sinatra ad Elton John e a Frank Ocean, oltre a cantanti italiani come Bobby Solo.

Beyoncé strillo

ultimo aggiornamento: 15-09-2021


Cinque canzoni fondamentali nella carriera dei Pink Floyd

Tributo a Franco Battiato all’Arena di Verona: tutti i cantanti del cast, da Emma a Carmen Consoli