Il significato che si cela dietro la canzone più incomprensibile e allucinogena dei Beatles, I Am the Walrus, scritta da John Lennon.

Per quasi 50 anni, i Beatles sono stati i cantanti e gli autori di canzoni più famosi al mondo. Inoltre, nell’ultimo mezzo secolo una delle principali attività dei “quarterback da poltrona” musicali è stata quella di sezionare, analizzare e interpretare le canzoni dei Beatles.

Nel 1967, uno studente della Quarry Bank High School (l’alma mater di Lennon) inviò una lettera a John Lennon dicendogli che il suo insegnante stava conducendo un corso che analizzava le canzoni dei Beatles. Lennon si mostrò ironicamente divertito. Questa lettera servì come motivazione iniziale per John per scrivere una canzone che andava oltre l’analisi, per il semplice motivo che John non voleva che avesse alcun senso.

Parliamo di I Am the Walrus. L’intero scopo della canzone, secondo John, era quello di confondere e incasinare gli esperti dei Beatles. I Am The Walrus è stata la prima canzone che i Beatles hanno registrato dopo la morte del loro manager, Brian Epstein, scomparso per overdose di droga il 27 agosto 1967.

Beatles, il significato di I Am the Walrus

Chi è il Warlrus che, tradotto, significa tricheco? “Walrus sta solo raccontando un sogno“, ha ricordato John Lennon più di un decennio dopo averl composto il brano.

The Beatles
The Beatles

Le parole non significavano molto. Le persone traggono così tante conclusioni ed è ridicolo. Ho sempre scherzato – tutti avevano ironia. Solo perché le altre persone vedono la profondità di qualunque cosa“. John ha detto che voleva mostrare ai suoi fan che “sapeva scrivere anche quelle st***zate“.

Il video di I Am the Walrus:

I Am The Walrus, canzone senza rima o motivo, è stata scritta in tre parti: la prima parte è redatta da John durante un’esperienza con gli acidi, la seconda parte è stata scritta durante un altro acid trip la settimana successiva e la terza parte è stata riempita dopo aver incontrato Yōko Ono.

La strofa di apertura della canzone, “I am he as you are he as you are me and we are all together“, viene dalla canzone Marching to Pretoria, che contiene la frase, “I’m with you as you’re with me and we are all together“. “See how they run, like pigs from a gun, see how they fly…“: tale frase fu elaborta la settimana successiva al secondo acid trip di John.

Il ritmo di base della canzone è stato effettivamente ispirato da una sirena della polizia. John ha sentito una sirena a tutto volume nel suo quartiere e questo suono è servito per l’intera melodia.

I Am the Warlus, il giardino di John Lennon e il riferimento poetico

Sitting in a English garden” si riferisce al giardino di John nella sua casa di Weybridge, dove viveva, frustrato e sempre più infelice, con la sua prima moglie, Cynthia. La parte “Waiting for the man to come” è stata scritto da John, ma è stato modificato con “wait for the van to come” dell’amico di liceo dell’artista, Pete Shotton, che era presente durante la composizione della canzone.

Il verso “elementary penguin” è stato usato da John come colpo a coloro che “vanno in giro a cantare Hare Krishna o ripongono tutta la loro fede in un idolo“. John ha ammesso di avere in mente il poeta Allen Ginsburg quando ha scritto il testo. Dando un’occhiata alla parte centrale del testo, viene fatto un riferimento a una poesia che John e il suo amico recitavano da scolari.

Yellow matter custard, green slop pie,
Dripping from a dead dog’s eye,
Slap it on a butty, ten foot thick,
Then wash it all down with a cup of cold sick
“.

I versi costantemente ripetuti e apparentemente senza senso “Goo goo gajoob” provengono da Finnegan’s Wake di James Joyce (Il termine usato da Joyce era “Goo goo goosth“).

Through the Looking Glass di Lewis Carroll (uno dei libri preferiti di John da ragazzo) ha dato a Lennon il titolo della canzone e il testo ricorrente: “I am the walrus“. In quel libro, Carroll includeva la poesia The Walrus and the Carpenter. John, da sempre il Beatle più politico, aveva compreso che la poesia era il commento di Carroll sul sistema capitalista e operaio. Fu solo più tardi che John si rese conto che il tricheco era il “cattivo” nella poesia e che avrebbe dovuto chiamare la canzone “I am the Carpenter”. “Ma non sarebbe stato lo stesso, no?” ammise John.

Chi è Egg Man?

I am the egg man” pare sia riferito a Humpty Dumpty (che appare in “Alice nel paese delle meraviglie“). Eric Burdon, cantante/musicista popolare e un caro amico di John, ha affermato di essere “l’uomo delle uova” e che il testo si riferisce a un certo atto sessuale che Eric faceva con le donne.

Sembra che Eric rompesse le uova sui corpi di donne nude e che John lo ha visto fare una notte. La chiusura della canzone presenta uno snippet di una trasmissione della BBC Radio di Re Lear di Shakespeare, che John ha sentito per caso mentre stava lavorando alla canzone.

A fine canzone, l’intero coro (8 maschi e 8 femmine) si unisce. John ha detto che i ragazzi hanno cantato “Oompah oompah, stick it in your jumper“, mentre le ragazze cantavano “Everybody’s got one“. Secondo l’esperto dei Beatles, Mark Lewisohn (una fonte altamente affidabile), il ritornello era del tutto casuale con uomini e donne che si univano semplicemente a cantare.

TAG:
beatles Rock

ultimo aggiornamento: 25-11-2020


Samuel: Brigata Bianca è il secondo album da solista

Addio Diego Armando Maradona: le canzoni che raccontano il dio del calcio