La giovane Ariana Grande ha svelato il titolo del suo terzo album: non si chiamerà Moonlight ma Dangerous Woman.

Svelato il titolo del nuovo album di Ariana Grande: si chiamerà Dangerous Woman il terzo disco della giovane artista. Le indiscrezioni, stavolta, non si sono rivelate esatte, visto che in molti credevano che l’album si sarebbe chiamato Moonlight. In effetti Ariana Grande sembrava propensa a chiamare il nuovo progetto discografico come la prima traccia del disco, Moonlight, ma poi al momento della scelta si è deciso per il titolo Dangerous Woman. Questa, al momento, è l’unica informazione a disposizione: non si conosce la data del rilascio dell’album e i fan devono accontentarsi solo di conoscere il titolo.

Un disco più maturo dopo la dolcezza degli esordi

Al momento del disco si conosce solo Focus, la prima traccia diffusa da Ariana Grande: ma l’artista ha preferito condividere già il nome, scegliendo ancora una volta i social. Lo ha prima scritto su una lavagnetta e poco dopo ha indossato una maglietta con la scritta Dangerous Woman, nonostante fosse già chiarissimo.

Un titolo decisamente più forte rispetto a Moonlight proprio per questo ci si aspettano delle scelte stilistiche di un certo tipo. E chissà se la dolcezza degli esordi non possa lasciare spazio alla determinazione di una donna più matura e ‘pericolosa’, come suggerisce il titolo: cosa che renderebbe lo stesso disco una vera e propria novità, una sorta di svolta nella carriera di Ariana Grande.

Lo stile di Dangeorus Woman, il nuovo album

Da quanto dichiarato dalla stessa Ariana Grande, lo stile del disco non sarà simile a quello di Focus, il primo singolo. Per scelta della stessa cantante quella traccia è stata diffusa per prima proprio perché si discosta un po’ dagli altri brani dell’album. E questo non fa altro che aumentare il mistero e far crescere la curiosità rispetto a Dangerous Woman.

Fonte foto: Flickr


Rihanna, ecco il video hot di Work: sette minuti caldissimi in compagnia di Drake

Amy Winehouse, documentario da Oscar: la cruda verità di Amy convince anche l’Academy