Alice Merton, Vertigo: il video della nuova canzone della cantante di No Roots, a tre anni dal grande successo internazionale.

Sono passati già dal grande successo di No Roots, la hit che ha lanciato sulla scena internazionale Alice Merton, cantautrice metà inglese e metà tedesca. Il brano, pubblicato nel 2017, raggiunse un successo inatteso grazie al suo ritmo incalzante tra il 2018 e il 2019, fungendo da apripista per il suo primo album Mint. Oggi, a tre anni di distanza da quell’exploit, Alice torna per riprendere la vetta delle classifiche con un singolo nuovo di zecca: Vertigo.

Alice Merton: il significato di Vertigo

Il senso del suo brano è un manifesto della sua indole e del suo obiettivo: fare della propria fragilità un punto di forza. La 27enne cresciuta in Canada e in Germania è oggi una donna forte, ma sa che un artista devemettersi a nudo, mostrando anche le sue fragilità e le sue vertigini.

Alice Merton
FONTE FOTO: https://www.instagram.com/alicemerton

Dopo il periodo del lockdown, Vertigo è una ripartenza per Merton e tutti i suoi fan e seguaci, quelli che le hanno regalato un bagaglio di oltre 500 milioni di stream in questi anni. Non sappiamo però se anticiperà un nuovo album della cantautrice tedesca.

Il video di Vertigo di Alice Merton

Con il nuovo singolo il 9 aprile è stato rilasciato anche il video ufficiale. Un video diretto da Anuk Rohde con un taglio post-apocalittico che ricorda successi cinematografici come Blade Runner 2049 e Mad Max. Nella clip Alice appare in in balia di inquetanti attori sociali di questa distopia, tranne che per un’unica figura ‘pulita’. Tra primi piani e improvvisi cambi di punti di vista, la clip si presenta come un vero e proprio corto di stampo cinematografico, quasi slegato dalla canzone, se non per il suo essere ‘vorticoso’. Guardiamolo insieme:

FONTE FOTO: https://www.instagram.com/alicemerton

Alice Merton

ultimo aggiornamento: 09-04-2021


Fabrizio Moro: le canzoni più belle del cantautore di San Basilio

Miley Cyrus canta le canzoni dei Queen dopo quelle dei Metallica