Yuman a Sanremo 2022 con Ora e qui: il significato della canzone del vincitore di Sanremo Giovani.

Tra i tre cantanti provenienti da Sanremo Giovani, Yuman è indubbiamente il più talentuoso. Non a caso, nella manifestazione di dicembre si è classificato al primo posto, e con merito. Rispetto ai suoi due ‘rivali’ può contare su una fanbase magari meno ricca, ma la critica lo guarda con molta attenzione, e a Sanremo per la prima volta tra i Big potrebbe anche non sfigurare. Cosa aspettarsi da lui? Magari la nascita di un ‘nuovo’ Mahmood.

Yuman, Ora e qui: significato

Brano che porta la firma dello stesso giovane cantautore romano, Ora e qui è un pezzo che ci catapulterà nel mondo della black music ‘all’italiana’. Stando ai primi ascolti, sarà una canzone che sorprenderà gli ascoltatori, grazie a una prova vocale di Yuman significativa.

Microfono
Microfono

Per quanto riguarda il testo, non brilla per particolare originalità, ma rimane comunque più ispirato rispetto a quello di altre canzoni in gara in questa edizione del Festival: “Ora e qui, finalmente io. Riesco a dire che sto bene, se trema un po’ la voce mi fermo e mi godo la luce“.

Yuman a Sanremo

Classe 1995, Yuman partecipa per la prima volta a Sanremo come Big grazie alla vittoria, nel mese di dicembre 2021, della competizione Sanremo Giovani. Un curriculum scarno e smilzo, con pochi lavori alle spalle, seppur meritevoli, e tanta voglia di mostrare il suo talento. Tra i tre ragazzi provenienti dalla kermesse che ha preceduto il Festival, è quasi certamente il più talentuoso e il più esperto. E con quel tocco ‘esotico’ dovuto alle sue origini capoverdiane, potrebbe in un certo senso ripercorrere le orme di Mahmood. Anche se, va detto, sarà difficile bissare la doppietta del cantautore milanese. Da tener d’occhio senza troppe pressioni e con le giuste aspettative.

Di seguito la sua Mille notti:

Riproduzione riservata © 2022 - NM

Sanremo strillo

ultimo aggiornamento: 26-01-2022


Ricordi tutte le canzoni che hanno vinto Sanremo?

Giornata della Memoria: cinque canzoni per non dimenticare