Ultimo, Solo: la recensione del quarto album del cantautore romano, il primo pubblicato con la sua etichetta discografica.

Io sono le mie canzoni“, ha affermato a gran voce Ultimo più volte nella presentazione di Solo. Il suo quarto album, forse il più importante della sua carriera ancora vicina all’alba. E non solo perché è il primo dopo la pandemia, un grave periodo di crisi mondiale che gli ha lasciato un solco nell’anima, come ammesso dallo stesso cantautore. Ma anche e soprattutto perché è il primo album prodotto dalla sua neonata etichetta discografica, la Ultimo Records, dopo l’addio a mamma Honiro. Forse anche per questo è il disco più sincero della sua carriera, per i concetti espressi, per i temi esplorati, per la costruzione musicale e lo sguardo artistico, uguale e diverso dal precedente.

Ultimo, Solo: la recensione

Sdoganare la sofferenza, mostrare anche il dolore che si ha dentro, non celare la sofferenza dell’isolamento, della solitudine, della fine di una storia o di qualunque altra cosa renda la nostra vita più buia di quanto spesso facciamo apparire. Quella di Niccolò sembra una missione: per esorcizzare il dolore, dobbiamo mostrarlo e non far finta che non esista. Nell’epoca dei social, il giovane artista parla alla sua generazione (ma non solo) per invitare a riflettere come i like di Instagram non debbano convincerci che tutto vada sempre alla grande agli altri (e magari mai a se stessi). Tutti provano dolore, tutti soffrono ed è giusto prenderne coscienza.

Ultimo Solo
Ultimo Solo

Per questo nelle 17 tracce che compongono la tracklist, priva di featuring, di Solo (titolo quanto mai esplicativo) troviamo tanti brani malinconici, sinceramente tristi. Specialmente la prima metà del disco è basata su pianoforte, voce e una sensazione di sofferenza che si avvicina al concetto di depressione. Un concetto nominato, ma con grande delicatezza, dallo stesso Ultimo in alcuni passaggi del disco.

Musicalmente abbiamo pochissime aperture, pochissimi lampi di gioia. Non manca la speranza, ma il tenore del disco, tremendamente introspettivo, è grigio, come la copertina. Le eccezioni che confermano la regola, o il trend, si contano sulle dita di una mano, come Quei ragazzi, dall’andamento quasi pop punk, o il singolo Tutto questo sei tu, classica canzone d’amore dal sapore soul.

Per il resto l’evoluzione di Ultimo, alla prima prova con la sua nuova etichetta discografica, si concretizza in un ulteriore allontanamento alle vibrazioni hip hop che hanno sempre fatto parte del suo stile fin dal successo de Il ballo delle incertezze. Non nega la scena in cui è nato, Niccolò, ma si fa sempre più spazio una tendenza al canto pulito e melodico piuttuisto che alla pioggia di rime e assonanze alla ricerca della barra ad effetto. Per quanto riguarda gli arrangiamenti, se il pianoforte continua ad essere il co-protagonista del suo lavoro, una sorta di seconda malinconica voce, troviamo più spazio per la chitarra rispetto ai precedenti album, forse anche perché in questi anni Ultimo ha iniziato a suonarla con continuità.

Tra momenti di poesia e qualche verso ingenuo e immaturo, Solo ci mostra un artista estremamente sincero, prima ancora con se stesso che con gli altri. Un giovane cantautore che sta prendendo coscienza di se stesso, che sa scrivere e comporre, che sa raccontare se stesso e sta imparando a raccontare anche il prossimo. Un artista che non ha paura di lanciare nel 2021 un album pop della durata di quasi un’ora, un disco corposo che necessità di più di mezzo ascolto per essere assorbito. Un lavoro che non sembra piegarsi alle logiche usa e getta della musica da TikTok. E anche solo per questo meriterebbe più di un applauso.

Solo: la tracklist

1 – Il bambino che contava le stelle
2 – Niente
3 – Sul finale
4 – Solo
5 – Spari sul petto
6 – Isolamento
7 – Quel filo che ci unisce
8 – Supereroi
9 – La finestra di Greta
10 – Buongiorno vita
11 – Quei ragazzi
12 – Non sapere mai dove si va
13 – 22 settembre
14 – 7+3
15 – Tutto questo sei tu
16 – Non amo
17 – 2:43 am

Top: Solo Non amo

Voto: 7.5

Di seguito il lyric video di Solo:

Riproduzione riservata © 2021 - NM

recensioni strillo

ultimo aggiornamento: 22-10-2021


Beyoncé torna con il singolo Be Alive

Zucchero rilegge i Genesis: ecco la sua Follow You Follow Me