The Dark Side of the Moon dei Pink Floyd sta per compiere 50 anni: in arrivo un grande progetto per celebrare il traguardo.

Il più famoso album della storia del rock, una pietra miliare che ancora oggi resta ai vertici delle principali classifiche di vendita, soprattutto in vinile, sta per compiere 50 anni. Portati divinamente, peraltro. Stiamo parlando di The Dark Side of the Moon, uno dei capolavori dei Pink Floyd, sicuramente il loro album più iconico.

Uscito la prima volta il 1° marzo del 1973, compirà il prossimo anno ben mezzo secolo. Un traguardo che merita i giusti festeggiamenti, anticipati in parte in un’intervista a Repubblica da Aubrey Powell, fondatore dello studio Hipgnosis, firmatario della leggendaria copertina dell’album in questione. “Un enorme progetto speciale” sta per arrivare. Ma di cosa si tratterà?

Pink Floyd: un evento speciale per i 50 anni di The Dark Side of the Moon

Stando a quanto riferito da Powell, è al lavoro in questo periodo proprio con i Pink Floyd per un progetto enorme che dovrebbe toccare anche l’Italia, il nostro Paese, da sempre innamorato della musica del quartetto britannico.

Roger Waters e Nick Mason dei Pink Floyd
Roger Waters e Nick Mason

Non sono emersi ulteriori dettagli, ma tutto farebbe pensare, se non a un concerto (difficilissimo a causa del rapporto ormai compromesso tra Roger Waters e David Gilmour), a una mostra o uno spettacolo epocale, magari grazie alla realtà virtuale, per poter far rivivere la musica eccellente di un capolavoro assoluto della storia del rock (e non solo).

Pink Floyd: com’è nata la copertina di The Dark Side of the Moon

Inevitabile in un’intervista con i vertici di Hipgnosis una domanda sulla copertina dello storico album della band inglese. Dopo aver raccontato il suo primo incontro con Barrett e compagni, Powell ha spiegato di essere arrivato alla celebre cover di The Dark Side dopo una serie di proposte: “Presentammo idee ambiziose, compreso un Silver Surfer (personaggio della Marvel, ndr) tra le galassie, ma la band chiese una grafica semplice. Io stavo leggendo un libro di fisica elementare e da lì viene l’idea del prisma. Troppo basica per noi, ma non ebbero dubbi. E avevano ragione“.

Di seguito l’audio di The Great Gig in the Sky:

Riproduzione riservata © 2022 - NM

Rock strillo

ultimo aggiornamento: 15-03-2022


La prima festa dell’amore di Cosmo diventa un festival: svelati i dettagli e la line-up

Eurovision Song Contest 2022: il tema dell’evento di Torino sarà la pace