Taylor Swift delusa da Spotify, stupita da Apple

Perché i Green Day si chiamano così?

Taylor Swift si racconta sul prossimo numero di settembre di Vanity Fair, e svela alcuni retroscena sull’affaire Apple.

Taylor Swift in un’intervista rilasciata a Vanity Fair, si dice stupita dalla considerazione e dal dietro front che Apple ha compiuto dopo la lettera aperta scritta in occasione del lancio della nuova piattaforma streaming Apple music. Alla fine di giugno infatti la reginetta del country pop, scrisse ai vertici della mela morsicata, sottolineando che non riteneva corretto il non riconoscere economicamente i diritti agli artisti, durante i tre mesi di prova gratuita su Apple Music. Il colosso di Cupertino tramite Eddie Cue (Vice Presidente di Apple), rispose immediatamente dichiarando che Apple avrebbe pagato i diritti anche durante i tre mesi di prova.

“Apple mi ha trattato come una voce della comunità creatività a cui davvero tenevano. Trovo davvero ironico che una compagnia multi-miliardaria abbia risposto alle critiche con umiltà, mentre la start-up con pochi fondi ha reagito alle critiche come una macchina corporativa.”

La conclusione, seppur senza fare il nome, è un’accusa diretta proprio all’azienda leader dello streaming musicale Spotify, rea secondo Taylor Swift di sfruttare gli artisti, tanto che lo scorso anno la Swift tolse tutto il proprio catalogo dalla piattaforma.

 

Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 06-08-2015

Redazione Notizie Musica