Il significato e qualche curiosità su Be My Baby, brano del terzetto femminile Ronettes, pubblicata nel 1963.

Nel 1961, le Ronettes, gruppo femminile di New York, composto da Veronica (Ronnie) Bennett, sua sorella Estelle Bennett e la cugina Nedra Talley, firmarono un contratto con la Colpix Records e pubblicarono una manciata di singoli, ma niente che ebbe successo. Nel 1963, il trio attirò l’attenzione del produttore Phil Spector e si trasferì alla sua Philles Records, ampliando il proprio suono con la sua famosa tecnica di produzione “Wall of Sound”. Poi, arrivò Be My Baby, scritta da Jeff Barry e Ellie Greenwich, che cambiò tutto.

Microfono concerto
Microfono concerto

Be My Baby delle Ronettes: il testo

Supportato da una band di musicisti, inclusi i chitarristi Tommy Tedesco e Bill Pitman, il pianista Don Randi, il bassista Ray Pohlman, i batteristi Hal Blaine e Frank Capp e il tastierista Al de Lory insieme alla sezione degli archi e ai cori dell’allora nuova coppia Sonny e Cher, insieme a Darlene Love — Be My Baby fu registrato ai Gold Star Studios di Hollywood, in California, il 5 luglio 1963.

Cantata da Veronica (Ronnie Spector), che ha trafitto ogni testo con la sua grande voce, Be My Baby racconta la storia di un’immediata connessione amorosa e di una ragazza che desidera ardentemente l’attenzione di un ragazzo. Nella sua autobiografia del 1995, giustamente intitolata Be My Baby, la Spector disse di aver provato la canzone per settimane e trascorso giorni a ottenere la voce giusta, perfezionando tutti i suoi “oh-oh-ohs” e “Whoas“, prima di registrare.

Di seguito il video con il testo della canzone:

La traduzione di Be My Baby: il significato

Si tratta di una canzone, dal testo molto semplice, in cui si parla di una ragazza che sta cercando di convincere un ragazzo che le piace a darle una possibilità. Gli fa sapere che è stata presa da lui dal giorno in cui si sono incontrati, e pensa che possano stare insieme per sempre.

La ragazza afferma che tratterà questa persona con così tanta adorazione e cura che non si pentirà mai di essere con lei. Gli chiede di essere il suo “bambino“, suggerendo la quantità di attenzioni e cure che è disposta a dare una volta che inizieranno la loro relazione romantica.

Molti testi scritti da Jeff Barry trattano – in qualche modo – dell’amore, o almeno di questa condizione umana. Un altro segno distintivo della sua scrittura è la mancanza della metafora, poiché preferisce comunicare direttamente le sue idee, proprio come la ragazza che rende molto chiare le sue intenzioni in questo brano.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 03-02-2022


My Way, il significato e qualche curiosità sul brano di Frank Sinatra

Come si vota a Sanremo 2022: tutte le regole del Televoto