ROAM Festival, dodici concerti dedicati alla musica alternativa internazionale

Perché i Green Day si chiamano così?

Sette serate e dodici concerti: il ROAM Festival pronto a stupire.

Grande attesa e curiosità per ROAM, il Festival Festival interamente dedicato alla musica alternativa internazionale. In sette serate imperdibili porterà nella splendida cornice del Parco Ciani le principali stelle della scena electro pop, alternative e world del momento.

Dal Rock’n’More al ROAM

ROAM raccoglie l’eredità di Rock’n’More, facendosi carico di un cartellone musicale che raccoglie e seleziona le realtà più interessanti della scena alternativa contemporanea. Evoluzione che parte dall’acronimo di Rock’n’More, per assurgere a realtà nuova. Roam, ovvero “vagabondare”, viaggiare apparentemente senza meta ma per ritrovarsi in una realtà nuova. Un tassello supplementare del percorso iniziato la scorsa edizione, che rappresenta il naturale sviluppo di quanto da tempo viene proposto durante l’anno allo Studio Foce con la rassegna Raclette. Un vero e proprio festival ora, articolato in sette serate consecutive, per un totale di dodici concerti. Grande spazio alla musica dunque che si diffonde e riempie l’aria unendosi alla fantastica atmosfera del Boschetto Ciani, contesto magico e intimo in cui ritrovarsi anche prima e dopo i concerti. Un “vagabondaggio“ ideale (Roam appunto), ma con una meta e un’identità sempre più precise.

Rimani sempre aggiornato sul mondo della musica, lascia la tua email qui sotto:

Privacy Policy
Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 24-07-2017

Nicolò Olia