Napoli ricorda Rino Zurzolo, al contrabbasso al fianco di Pino Daniele

Perché i Green Day si chiamano così?

Il mondo della musica saluta Rino Zurzolo, storico contrabbassista di Pino Daniele

Si è spento nella giornata di ieri (30 aprile ndr) Rino Zurzolo, pezzo pregiato della musica napoletana, italiana e internazionale. Contrabbassista di grande talento, Zurzolo era famoso soprattutto per la sua collaborazione con Pino Daniele, artista di fama e successo globale.

Zurzolo, il quale avrebbe compiuto cinquantanove anni il prossimo giugno, è stato stroncato da un tumore ed è morto proprio nella sua amata Napoli. Fece parte della band che incise l’album Terra Mia, primo grande successo proprio di Pino Daniele, e sempre al suo fianco suonò in Piazza del Plebiscito – gremita come non mai – con James Senese, Tullio De Piscopo, Tony Esposito e Joe Amoruso.

In tanti nella giornata di oggi hanno voluto prendere parte ai funerali per dare il loro ultimo saluto a Rino: presenti molti esponenti della musica jazz – ma non solo – ma anche esponenti della politica e dello spettacolo. Commoventi i messaggi d’addio di Tullio De Piscopo (“Posso pensare che anche tu ci hai lasciato.
In questo momento non ho più lacrime, tante ne ho piante. Ti penso ancora qui con me che dormi nel soggiorno di casa mia a Corsico e che giochi serenamente con le mie figlie.
Sento un dolore forte al petto e vorrei urlare per tutto quello che abbiamo diviso insieme, le cose più belle e le situazioni più difficili, da cui siamo sempre usciti alla grande. Abbiamo condiviso grandi tournée e lunghi viaggi in pullman e l’odore del tuo sigaro che mi tranquillizzava sulla tua presenza.
Abbiamo passato i momenti di relax persi assieme nella bellezza del cielo, in spiaggia eri come una lucertola che dietro quegli occhiali scuri amava prendersi tutto il sole per sé.
Vivrai per sempre nel mio cuore.
Ciao guagliò“
) e di Angelo Branduardi.

Rimani sempre aggiornato sul mondo della musica, lascia la tua email qui sotto:

Privacy Policy
Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 01-05-2017

Nicolò Olia