Ace of Spades festeggia il suo 40esimo anniversario: il quarto album in studio dei Motörhead fu pubblicato l’8 novembre 1980.

Quarant’anni fa, i Motörhead hanno sconvolto il mondo hard-rock con il loro quarto album, intitolato Ace of Spades. Il disco fu pubblicato l’8 novembre 1980 e quest’anno festeggia il suo quarantesimo anniversario. Per l’occasione, viene lanciato un cofanetto, in edizione limitata, contenente 42 brani inediti, uscito il 30 ottobre.

La band è diventata una vera e propria leggenda – acclamata dalla critica – che è diventata una pietra di paragone nella New Wave of British Heavy Metal e la cui title track regna incontrastata.

Motörhead, l’album Ace of Spades compie 40 anni

Dopo essere stato espulso dalla band rock Hawkwind a seguito di un arresto in Canada per possesso di cocaina (erano, però, metanfetamine), Lemmy Kilmister formò i Motörhead, dal nome di una canzone che aveva scritto per la sua ex band.

Quando pubblicarono il loro terzo album, Bomber del 1979, la band aveva sviluppato un forte seguito underground in Inghilterra con un suono che mescolava lo swing del primo rock ‘n’ roll, il groove del blues e la velocità del punk.

In Nord America, il gruppo non riuscì ad affermarsi come si deve, fino al quarto album, Ace of Spades, uscito l’8 novembre 1980 e che conteneva l’intramontabile title track, che rimane la canzone simbolo della band.

Il video di Ace of Spades:

Kilmister era contento che Ace of Spades avesse messo il turbo alla sua carriera, eppure era confuso in merito alla reazione del pubblico. “Continuo a dirlo alla gente, ma pensano che stia mentendo, ma non lo sono: non pensavo che fosse migliore di nessuna delle mie altre canzoni e ancora non lo penso”, disse a Decibel. L’album è pieno di canzoni impetuose e stravaganti che hanno contribuito a definire il gruppo, almeno in Nord America.

Le canzoni di Ace of Spades

Fast and Loose, (We Are) the Road Crew, The Chase is Better Than the Catch e Love Me Like a Reptile con Ace of Spades sono alcuni dei dei migliori brani della band. “Certo, mi piace Ace of Spades, ma non più della maggior parte degli altri nostri album“, mi ha detto Kilmister nel 2013. “L’unico che non mi è piaciuto è stato ‘Iron Fist’ e ciò principalmente perché la produzione non era buona“.

Al contrario, la produzione di Ace of Spades è chiara e selvaggia, il che è sorprendente poiché l’album è stato prodotto da Vic Maile, noto per il suo lavoro con i Fleetwood Mac, Eric Clapton e i Led Zeppelin.

Lemmy Kilmister dei Motorhead
Lemmy Kilmister dei Motorhead

Motörhead, la realizzazione di Ace of Spades

Anche se molte delle canzoni di Overkill e Bomber sono state sfornate riff per riff in un breve periodo, i Motörhead hanno dedicato più tempo e impegno ad Ace of Spades. La band scrisse e fece il demo dei brani al Rockfield Studio in Galles, prima di registrarli con Maile ai Jackson’s Studios di Rickmansworth, in Inghilterra, in cinque settimane, da agosto a settembre 1980.

Le canzoni erano praticamente lì, ma Maile suggerì degli elementi che le hanno rese più impattanti. “Aveva certamente le sue idee“, ha detto Clarke in Beer Drinkers and Hell Raisers: The Rise of Motörhead di Martin Popoff. “Metteva i suoi piccoli pezzi e cercava sottilmente di guidarti un po“.

L’esempio più notevole di ciò è Ace of Spades, in cui Maile convinse la band a utilizzare blocchi di legno ritmici per migliorare il suono del brano. La title track dell’album parlava del vizio di Lemmy, il gioco d’azzardo di Lemmy: “So che perderò, perché il gioco d’azzardo è per gli sciocchi / Ma è così che mi piace piccola, non voglio vivere per sempre“.

Ace of Spades, l’uso della title track in spot e cinema

Come per la title track, la maggior parte di Ace of Spades parla del microcosmo rock ‘n’ roll di Kilmister, strutturato e sporco. Jailbait, per il quale Kilmister è sorpreso di non aver ottenuto alcun riscontro, è stato scritto sull’attrattiva delle ragazze minorenni.

The Chase is Better Than the Catch parla di come il cercare di conquistare le donne sia più eccitante che fare sesso. I primi due album dei Motörhead avevano una copertina che si complimentava con la ferocia della band. Ace of Spades no. Invece di raffigurare la mascotte Snaggletooth in una sorta di gioco d’azzardo come i fan avrebbero potuto aspettarsi, la band ha scelto un motivo del selvaggio West che li faceva sembrare più banditi messicani che pionieri del punk-metal inglese.

Ironia della sorte, la scena del deserto è stata girata in una buca di sabbia a nord-est di Londra, vicino a una città chiamata Barnet. Tuttavia, la band era soddisfatta della copertina e il tema del cowboy sottolineava l’idea dei fuorilegge del gruppo. Ace of Spades è stato il primo album dei Motörhead distribuito negli Stati Uniti, ma sebbene abbia lasciato un segno indelebile tra i fan del metal underground all’avanguardia, non ha entusiasmato molte etichette discografiche.

Ad oggi, Ace of Space è stato rilasciato più di otto volte in vari territori, nei formati disco singolo e doppio disco. E la title track è stata coverizzata da innumerevoli band, è apparsa in almeno 16 film, tra cui Hardware – Metallo Letale, Zombie Nightmare, L’ultimo contratto, Suxbad – Tre menti sopra il pelo e Smokin’ Aces. La canzone è stata anche inserita in spot pubblicitari per Kronenbourg e Kia.

TAG:
lemmy kilmister motorhead strillo

ultimo aggiornamento: 08-11-2020


Johnny Depp: “Mi mancano i concerti, chissà come sarà suonare dopo il Covid”

Sympathy for the Devil: online il primo live della hit dei Rolling Stones