Disponibile dal 17 novembre, “Polvere” si apre ai sentimenti di Mobrici in un incontro inaspettato di ricordi e consapevolezze.

Debutta il nuovo singolo di Mobrici, “Polvere”, che ha anticipato il concerto all’Alcatraz di Milano tenutosi il 30 novembre. Il brano segna un nuovo capitolo della carriera del cantante, che dopo lo scioglimento della band Canova si è ritagliato il suo posto come solista nel panorama musicale italiano.

Mobrici

Il significato di “Polvere”

Fuori dal 17 novembre 2023, “Polvere” è un estratto dell’ultimo album intitolato “Gli anni di Cristo”, omaggiato dal live del 30 novembre all’Alcatraz di Milano. Il singolo si presenta come un vero mix di parole intrinseche di ricordi, con un sound rigorosamente indie capace di trasmettere un senso di libertà.

“Con ‘Polvere’ ritorno al sentimento. È una storia in cui tutto si svolge nel giro di pochi minuti. Racconto di una sera, di un incontro inaspettato, di pensieri, consapevolezze e ricordi”, racconta Mobrici.

Come riporta La Freddezza Music, per l’artista il passato ritorna nel presente e ti accorgi che basta un secondo per togliere la polvere da vecchi ricordi e tutto torna ad apparire così nitido e vivo”.

Chi è Matteo Mobrici?

Originario di Legnano, Matteo Mobrici inizia la sua carriera come batterista. Inizia a scrivere canzoni all’età di 14 anni, avvicinandosi col tempo al ruolo di cantautore.

Debutta poi nel mondo della musica insieme a Fabio Brando e Federico Laidlaw, con cui nel 2008 fonda la band Canova nei panni di frontman. Al trio si aggiunge poi Gabriele Prina.

La carriera del gruppo ha vita breve, dopo che nel 2020 – nel mezzo della pandemia – Mobrici annuncia il loro scioglimento inaspettato. Da quel momento continua la sua carriera da solista, mostrandosi come uno spirito libero e un inguaribile romantico.

Di seguito il video del singolo “Polvere”:

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 29 Novembre 2023 20:09


Biagio Antonacci svela il prossimo album

Elisa stupisce ancora: arriva l’inedito “Quando nevica” scritto con Calcutta