Le migliori canzoni jazz di tutti i tempi: da My Funny Valentine a Take Five, i brani più iconici di questo genere musicale.

Il jazz è così ampio che definire le cinque migliori canzoni di questo genere musicale è un compito davvero arduo e non sai mai da dove cominciare. Gli artisti che hanno dato lustro al jazz sono tanti, i quali con i loro accordi colorati e complessi, la musica swing, la poliritmia e, naturalmente, l‘improvvisazione lo hanno arricchito nel corso degli anni. È un luogo in cui i generi si mescolano e ballano insieme. Il jazz si è evoluto ed è cambiato nel corso della sua lunga storia e ha sempre seguito una tendenza propria, nel corso del suo viaggio compiuto tra le diverse epoche della musica.

Sassofono jazz
Sassofono jazz

My Funny Valentine – Chet Baker

Iniziamo con una classica canzone jazz, un pezzo memorabile. My Funny Valentine, pezzo la cui musica è stata scritta da Richard Rogers e le parole, invece, da Lorenz Hart. Questo brano rappresentava una famosa melodia del musical Babes In Arms, una commedia musicale di Broadway del 1937. La canzone è stata seguita da oltre 600 artisti ed è diventata iconica nella versione di Chet Baker. Quest’ultimo è stato anche inserito nel National Recording Registry della Library of Congress per l’importanza culturale che ha rappresentato per la società americana.

Il video di My Funny Valentine:

La storia della canzone è basata sul personaggio di Billie Smith. Dalla commedia musicale Babes In Arms che canta “My Funny Valentine” a Valentine Val LaMar. La canzone suona in termini dispregiativi nei confronti di “Valentine“, visto che afferma che i suoi “sguardi non sono fotografabili“. Tuttavia, è “la sua opera d’arte preferita“. Il testo della canzone gioca sulle imperfezioni di una persona cara.

Somewhere Over The Rainbow – Judy Garland

Un capolavoro: la fusione di colori e di arcobaleni in un unico pezzo. Questa canzone è tratta dal classico musical del 1939, Il mago di Oz ed è stata scritta da Edgar Y. Harburg e Harold Arlen. È una classica canzone jazz che è diventata una delle preferite dai musicisti. Judy Garland ti fa davvero credere in un luogo che può esistere solo oltre l’arcobaleno. Il brano vinse l’Academy Award per la Migliore canzone originale ed è diventato la canzone simbolo della Garland. L’ha eseguita per ben trent’anni, cantandola come aveva fatto nel film.

Il video di Somewhere Over The Rainbow:

La canzone è stata l’ultima ad essere scritta per il film. Il compositore Harold Arlen sentì molta pressione quando non riusciva a trovare la giusta melodia per l’inizio della pellicola. Un giorno, mentre era con sua moglie, le chiese se poteva accompagnarlo in un ristorante cinese. Si ritrovò rilassato nella sua macchina e non pensava affatto al lavoro, quando improvvisamente una scintilla di ispirazione lo colpì.

Chiese alla moglie di accostare immediatamente la vettura, tirando fuori il suo piccolo blocchetto dalla tasca, sul quale scrisse l’intera melodia della canzone. Chissà, forse la canzone proveniva davvero da oltre l’arcobaleno dentro i suoi pensieri annebbiati. Chapeau per un classico che è stato cantato più e più volte, da milioni di artisti in tutto il mondo. È stato suonato in una varietà di stili, dallo swing al pop.

Summertime – Ella Fitzgerald e Louis Armstrong

Summertime è stato ideata nel 1934 dai fratelli Gershwin e il testo è di DuBose Heyward per l’opera Porgy and Bess. Questa famosa canzone jazz è stata ispirata dal tentativo dei Gershwin di creare la propria canzone spirituale nello stile della musica folk afroamericana del periodo. Summertime è cantata molte volte durante l’opera Porgy and Bess. La sua struttura di accordi semplicistica in La minore la fa sembrare una canzone blues. Tuttavia, molti artisti jazz l’hanno cambiata, inserendo accordi più complessi per adattarla al proprio stile.

Il video di Summertime:

Il testo di questa famosa canzone jazz conduce all’interno della vita lavorativa degli afroamericani negli anni ’30, i quali trascorrevano la maggior parte del tempo lavorando nei campi di cotone. Sono state registrate così tante versioni di questa canzone. Tuttavia, è la voce piena di sentimento di Ella Fitzgerald e le raffinate linee di tromba di Louis Armstrong portano l’ascoltatore davvero dentro la sua essenza, trasportandolo direttamente negli anni ’30.

Autumn Leaves – Nat King Cole

Una ballata slow jazz del 1945 composta da Joseph Kosma con testi originali di Jacques Prévert in francese, e successivamente da Johnny Mercer in inglese. Una delle migliori ballate jazz in circolazione. La canzone è stata originariamente scritta in francese con il titolo Les Feuilles Mortes e parla di un amore estivo che sta volgendo al termine e del ricordo di questa relazione quando l’autunno inizia a farsi strada.

Il video di Autumn Leaves:

La canzone è stata cantata molto negli anni ’50 da diversi cantanti pop, come Bing Cosby e Frank Sinatra. La versione di Nat King Cole fa leva su un meraviglioso arrangiamento orchestrale e la sua voce dai toni profondi ti fa credere che le foglie autunnali stiano davvero iniziando a cadere.

Take Five – Dave Brubeck Quartet

Questa canzone è stata utilizzata in numerosi film e serie televisive. La sua iconica linea melodica di sassofono, scritta da Paul Desmond (del Dave Brubeck Quartet) è intramontabile. È un dato di fatto, questo pezzo è stato scritto nel 1959, ma è ancora presente oggi in molte stazioni radio. La canzone presenta un’indicazione di tempo dispari, che è 5/4 – molto insolita per il jazz degli anni ’50 e ’60. Si dice che questa indicazione del tempo sia stata influenzata dai viaggi all’estero in paesi stranieri. Potremmo definire questa canzone come una delle migliori canzoni del jazz moderno, poiché utilizza un metro dispari che non è così comune nel jazz.

Il video di Take Five:

Sebbene questa canzone non sia stata la prima canzone jazz ad essere composta in 5/4, è stata la prima a raggiungere un successo commerciale, anche al di fuori del suo genere. Inoltre, arrivò alla 25a posizione nella Billboard Hot 100. Un fatto interessante di questa canzone è che, anche se è interamente attribuita a Paul Desmond, Dave Brubeck, che era il pianista e arrangiatore della band, ha scritto molte parti della canzone. Dopo la morte di Paul Desmond, tutti i diritti musicali della canzone sono stati ceduti alla Croce Rossa americana, alla quale sono andati circa 100.000 dollari all’anno.

TAG:
canzoni jazz

ultimo aggiornamento: 30-04-2021


La vacinada: il brano di Checco Zalone che invita tutti a vaccinarsi

Simple Minds, rinviati i concerti italiani: ecco le nuove date nel 2022