Max Pezzali, Niente di grave: il testo e il video della canzone

È la canzone dedicata al figlio, nonché terzo singolo da Astronave Max: ecco a voi Max Pezzali con Niente di grave: il testo e il video del brano.

Max Pezzali, Niente di grave: il testo

Non ricordo molto
di quand’ero piccolo ma
mi ricordo che
ero spesso felice.

Mi bastava un niente,
mi bastava tanto cosi,
un amico e un raggio
di sole in cortile.

Guerre di soldati e supereroi
che non morivano mai
ed i buoni sempre poi
vincevano.

E per tutti i piccoli e grandi guai,
con me c’erano i miei
e la domenica
non lavoravano.

Niente di grave,
tutto si aggiusterà,
niente di grave,
mai ti succederà.

Ed i brutti sogni che sognerai,
vedrai dimenticherai,
se scendi dal letto
poi scompaiono.

Ed i sogni belli che sognerai,
vedrai li realizzerai,
perché poi ogni giorno
ti accompagnano.

Ridi di nascosto
per le strane facce che fai
mentre giochi e pensi
che non stia guardando.

Come osservi il mondo,
come impari quello che sai
e diventi sempre
più grande ogni giorno.

Tanto poi i soldati e supereroi,
si sa, non cambiano mai,
e nei giochi i buoni
sempre vincono.

E con ogni mostro che affronterai,
da solo non sarai mai,
mi han mandato apposta
per sconfiggerlo.

Niente di grave,
tutto si aggiusterà,
niente di grave,
mai ti succederà.

Ed i sogni brutti che sognerai,
vedrai dimenticherai,
se scendi dal letto
poi scompaiono.

Ed i sogni belli che sognerai,
vedrai li realizzerai
perchè poi ogni giorno
ti accompagnano.

Niente di grave,
tutto si aggiusterà,
niente di grave,
mai ti succederà.
Niente di grave.

Niente di grave: il video della canzone

Dopo aver letto il testo di questo bellissimo pezzo di Max, non vi è venuta voglia di ascoltarvela? A noi sì, dunque vi lasciamo con il video ufficiale di Niente di grave:


FONTE FOTO: https://www.facebook.com/maxpezzaliofficial/

Rimani sempre aggiornato sul mondo della musica, lascia la tua email qui sotto:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 17-04-2018

Lorenzo Martinotti