I Linkin Park sono una delle band più cliccate e viste in streaming su YouTube. Ecco la classifica completa dei gruppi da Chart Data.

I Linkin Park si sono fatti conoscere, facendosi spazio nella scena nu-metal della fine degli anni ’90. Il loro lavoro di debutto, Hybrid Theory, fu l’album più venduto del 2001 (con 4,81 milioni di copie vendute quell’anno, battendo Shaggy).

Da allora, i fan non li hanno più abbandonati e ora si scopre che il gruppo di Chester si è posizionato nella Top Ten degli artisti più visti in streaming su YouTube, secondo quanto scoperto da Chart Data, che ha elaborato la classifica, in base alla quantità di visualizzazioni che i video “ufficiali” hanno avuto su Youtube.

Linkin Park, uno dei gruppi più visti su YouTube

I Linkin Park fanno parte di una nuova Top Ten, quella delle band più visti nella storia di YouTube.

Linkin Park
FONTE FOTO: https://www.facebook.com/linkinpark

Chart Data ha esaminato le visualizzazioni generali di tutti i video ufficiali dei gruppi musicali – appartenenti a tutti i generi musicali – e ha scoperto che la band entra in classifica alla nona posizione delle band più viste a in streaming su YouTube.

Ecco la classifica completa di Chart Data:

L’elenco, nell’ordine, trova i Maroon 5 al numero uno, seguiti da BTS, Coldplay, The Chainsmokers, Imagine Dragons, One Direction, Blackpink, Henrique e Juliano, poi Linkin Park e Banda MS.

Il video di Numb:

Linkin Park, i video più visti su YouTube

I primi cinque video del gruppo di Chester Bennington più visti hanno raggiunto be 3,557 miliardi di visualizzazioni. Tali views sono suddivise, rispettivamente, per i seguenti video: Numb (1,3 miliardi di visualizzazioni); In The End (957 milioni di visualizzazioni); What I’ve Done (449 milioni di visualizzazioni); Castle of Glass (428 milioni); e New Divide (423 milioni.)

FONTE FOTO: https://www.facebook.com/linkinpark

TAG:
Linkin Park Rock

ultimo aggiornamento: 18-04-2020


Taylor Swift: annullate tutte le apparizioni pubbliche del 2020

One World – Together at Home: raccolti 130 milioni di dollari