Levante pubblica il suo primo romanzo per Rizzoli

La cantautrice Levante ha annunciato su Facebook l’uscita del suo romanzo, dal titolo “Se non ti vedo non esisti”.

chiudi

Video della settimana: Perché i Green Day si chiamano così?
Caricamento Player...

La dimensione musicale non era abbastanza, per contenere l’estro di Levante. La cantautrice siciliana, il cui vero nome è Claudia Lagona, sta per dare alle stampe il suo primo romanzo, “Se non ti vedo non esisti”, che uscirà ad aprile 2017 per Rizzoli.

La stessa cantante, che nel 2015 ha aperto alcuni concerti di Paolo Nutini, ha scritto questo post su Facebook per annunciare l’uscita del romanzo:

“Era Novembre.

Faceva freddo e decisi di rintanarmi nella mia stanza, quella con le pareti di velluto, le finestre che si affacciano sul nulla.
Quella in cui il silenzio è la musica più dolce.
Era Novembre e iniziai a scrivere come poche volte mi era capitato nella vita, con l’esigenza di parlare e parlare, di inventare e inventare, di essere uno e poi di essere un altro.
Volevo raccontare una storia, un’altra vita, vivere al quadrato, all’ennesima potenza dentro altri corpi, altri nomi, altri volti.
Era Novembre e non potevo immaginare che qualcuno venisse a bussare alla porta di quella stanza, dalla quale nulla trapela, per chiedermi se avessi delle storie da raccontare perché dall’interno della mia camera qualche passante incuriosito aveva visto esplodere cuori d’artificio.
Ora Novembre.
E lo spettacolo pirotecnico è terminato, la mia canzone più lunga è un romanzo che porta il titolo di SE NON TI VEDO NON ESISTI.
Grazie.
L.”

Lo troveremo in tutte le librerie ad aprile 2017, e c’è da giurare che sarà un successo, visto il foltissimo pubblico che da anni segue questa giovane cantante.

Levante stessa ha voluto ringraziare pubblicamente la casa editrice per questa grande opportunità di vedere pubblicata la sua opera prima:

Stefania dice “il 30 Settembre comunichiamo del libro, sarebbe bello che fossi tu a dirlo ai tuoi fan”.
Mi esplode il cuore al suono di quelle parole.
Respira, mi dico.
Ho scritto un libro.
E mi mancano le parole.
Grazie a Rizzoli della grande fiducia.
Grazie a Pietro e Stefania, dell’amore e del sostegno.
E’ una storia finta che diventa una storia vera.
Ogni riferimento a persone o fatti è puramente casuale. Forse.
L.

Ci resta solo da farle un grande in bocca al lupo per questa nuova avventura da scrittrice!