Canzoni sullo spazio: da Space Oddity di Bowie a Via Lattea di Battiato

Le 5 migliori canzoni sullo spazio

Giornata internazionale dell’uomo nello spazio: cinque canzoni ispirate alle meraviglie dell’universo, da Space Oddity a Via Lattea.

Il 12 aprile 1961 Jurij Alekseevic Gagarin partì per compiere un’impresa storica: essere il primo uomo nello spazio. Un viaggio intergalattico che ha aperto la strada a una serie di altri viaggi che si sono susseguiti nel corso degli anni, e che hanno ispirato tante opere d’arte. Anche canzoni, ovviamente.

Perché non c’è nulla di più misterioso e affascinante dell’universo, e vale la pena celebrarlo in ogni modo. Andiamo dunque a riascoltare cinque dei più bei brani d’ispirazione celeste nella Giornata mondiale dei viaggi dell’uomo nello spazio.

Canzoni sullo spazio: 5 brani ispirato dall’universo

Dai Pink Floyd a David Bowie, passando per i grandi cantautori italiani come Franco Battiato e alle grandi rock band come i Beatles o i Deep Purple. Senza dimenticare i più recenti Daft Punk e Moby. Lo spazio è stato davvero d’ispirazione per tantissimi artisti di diversa estrazione, tanto che scegliere solo cinque canzoni ‘spaziali’ è davvero un’impresa.

Ecco però cinque brani che proprio non si possono dimenticare se si parla di viaggi intergalattici. Pronto a partire?

Astronauta nello spazio
FONTE FOTO: https://pixabay.com/it/photos/astronauta-astronomia-via-satellite-1849401/

David Bowie – Space Oddity

Ground Control to Major Tom…“. Inizia così la canzone più famosa in assoluto tra quelle ispirate allo spazio, quella Space Oddity del 1969 che lanciò l’incredibile carriera artistica dello ‘starman’ della musica, David Bowie.

Un brano straordinario, capolavoro assoluto della storia della musica, fu ispirato non solo dai viaggi spaziali di quegli anni, ma anche dai tanti film di fantascienza e dai racconti scritti in quel periodo. Tra tutti vale la pena citare 2001: Odissea nello spazio di Stanley Kubrick.

Di seguito il video di Space Oddity:

Elton John – Rocket Man

Tra i brani più famosi del repertorio di Elton, tratto da Honky Chateau del 1972, è ispirato al racconto omonimo di Ray Bradbury, incentrato sui sentimenti di un astronauta, pronto a partire, e la sua amata famiglia, costretto a lasciare così lontano, sulla Terra. Una curiosità? Pare che a David Bowie non andò giù questo pezzo, ritenuto una scopiazzatura della sua Space Oddity.

Di seguito il video ufficiale di Rocket Man:

Deep Purple – Space Truckin’

Capolavoro che conclude una pietra miliare della storia del rock come Machine Head del 1972, Space Truckin’ con il suo incedere irresistibile e martellante è un vero e proprio viaggio tra i pianeti del Sistema Solare.

Riascoltiamo insieme Space Truckin’:

The Police – Walking on the Moon

Secondo singolo tratto dall’album Reggatta de Blanc, del 1979, Walking on the Moon è ancora oggi una delle canzoni più famose e amate del gruppo di Sting.

Lo stesso bassista ha dichiarato più volte di aver scritto questo pezzo dopo una clamorosa sbronza, e che inizialmente recitava ‘walking around the room‘, diventato poi ‘walking on the moon‘. In realtà lo spazio è un pretesto per parlare della sensazione derivante dall’amore, che ti fa sentire privo di gravità.

Ma a collegare il brano allo spazio è il video, girato nell’ottobre del 1970 al Kennedy Space Center. Al suo interno i musicisti suonano il brano in mezzo alle astronavi, e sono presenti anche diversi spezzoni di filmati della NASA. Ecco la clip ufficiale di Walking on the Moon:

Franco Battiato – Via Lattea

Fin qui abbiamo proposto quattro canzoni, tutte diverse tra loro, ma rappresentanti della grande musica internazionale. Possibile che in Italia nessuno si sia mai fatto ispirare dal cielo per la propria musica? Ovviamente no. Sono tantissime le canzoni italiane che celebrano in qualche modo lo spazio, in particolare le stelle.

Tra le tante abbiamo scelto questo bel pezzo di Battiato, Via Lattea, che apre l’album Mondi lontanissimi del 1985:

FONTE FOTO: https://pixabay.com/it/photos/astronauta-astronomia-via-satellite-1849401/

ultimo aggiornamento: 12-04-2019