Cat Stevens, le canzoni migliori: da Wild World a The First Cut Is the Deepest, cinque dei brani più importanti di Yusuf.

Tra l’essere Steven Demetre Georgiou e Yusuf Islam, ha scelto di diventare Cat Stevens. Il cantautore britannico ha registrato una serie di dischi sempre più maturi dalla fine degli anni ’60 fino alla metà degli anni ’70. Ha iniziato come cantautore a noleggio i cui dischi sono stati adornati con arrangiamenti super impegnati imposti dai dirigenti della casa discografica.

Nel 1977, si convertì all’Islam e cambiò nome, praticamente finendo la sua carriera proprio in quel momento. Una dozzina di anni dopo riemerse quando fece alcuni commenti che sembravano sostenere una fatwa contro lo scrittore Salman Rushdie. In seguito, fece chiarezza sulle sue dichiarazioni, dicendo che era stato frainteso.

Cat Stevens, le canzoni più amate

Iniziamo la nostra lista con Wild World, brano presente nell’album Tea for the Tillerman (1970).

Il video di Wild World:

Il successo decisivo di Stevens lo rese una star nei primi anni ’70. Prima di allora, la sua musica era circondata da arrangiamenti lussureggianti, percussioni indaffarate e altri elementi rock e pop. Wild World è il suo appello all’indipendenza e una canzone di rottura senza tempo e universale con uno dei suoi cori più incisivi.

Passiamo a Morning Has Broken, brano contenuto nell’album Teaser and the Firecat (1971).

Il video di Morning Has Broken:

Morning Has Broken era suonata – in varie forme – nel XIX secolo, quando la sua melodia fu usata per la prima volta in una canzone di Natale. Negli anni ’30, divenne un inno religioso ancora usato nelle funzioni liturgiche. Il reverenziale arrangiamento della canzone di Stevens – guidata dal lussureggiante pianoforte a coda eseguito dal tastierista degli Yes, Rick Rick Wakeman – raggiunse in classifica la posizione n. 6.

C’è, poi, Peace Train, canzone presente nell’album Teaser and the Firecat (1971).

Il video di Peace Train:

Il primo successo di Stevens – nonché una delle sue canzoni più popolari – ha avuto qualche contraccolpo quando il cantautore iniziò a parlare – nel 1989 – della fatwa della morte contro l’autore Salman Rushdie. La band indie 10.000 Maniacs ha persino eliminatto la propria cover di Peace Train da uno dei loro album per protesta.

Qualunque siano le intenzioni di Stevens (o meglio, di Yusuf Islam), la canzone rimane un momento saliente della sua carriera e una meravigliosa canzone di pace, amore e speranza globali.

Cat Stevens Yusuf
FONTE FOTO: https://www.facebook.com/YusufCatStevens

Cat Stevens, Father and Son e The First Cut Is the Deepest

Father and Son è una canzone presente nell’album Tea for the Tillerman (1970).

Il video di Father and Son:

La canzone più commovente di Stevens si svolge come un dialogo tra un padre e il suo bambino che sta crescendo. È stata originariamente scritta come parte di un musical sulla rivoluzione russa, ma è finita – invece – nel miglior album di Stevens. Mossa intelligente.La canzone presenta anche una delle melodie più belle di Stevens. Ai psico-rocker moderni dei Flaming Lips è piaciuto così tanto che l’hanno presa in prestito per uno dei loro brani.

Infine, citiamo The First Cut Is the Deepest, presente nell’album New Masters (1967).

Il video di The First Cut Is the Deepest:

Stevens era ancora alla ricerca della sua voce quando ha registrato il suo secondo album nel 1967. È per lo più da dimenticare, ma è traccia chiave che dà il via alla seconda parte dell’LP. The First Cut Is the Deepest è stato registrato per la prima volta dall’oscuro cantante R&B P.P. Arnold, che ebbe un successo tra i primi 20 nel Regno Unito fino a metà del 1967. La versione di Stevens apparve su New Masters nel corso dell’anno. Dieci anni dopo, Rod Stewart ha registrato la versione definitiva.

FONTE FOTO: https://pixabay.com/it/photos/chitarra-strumento-musicale-2276181/

TAG:
canzoni Cat Stevens

ultimo aggiornamento: 21-07-2020


Dua Lipa da record su Spotify: è la prima donna con quattro canzoni sopra il miliardo di stream

Massimiliano Pani: “Mina sogna di cantare un pezzo di Vasco Rossi”