Kanye West ha rinviato la pubblicazione di Donda e adesso vive in uno stadio: cosa sta succedendo al rapper americano.

Kanye West ha fregato tutti. O almeno così sembra. Dopo due anni di attesa e di continui slittamenti tutto sembrava pronto per la pubblicazione di Donda il 23 luglio. Anche lo stesso rapper aveva ufficializzato l’uscita del disco con uno spot trasmesso addirittura durante le finali NBA. E invece no. Ancora una volta il rapper ha rimandato l’uscita di Donda, l’album della discordia. Un disco che adesso dovrebbe vedere la luce ad agosto. Ma chi potrebbe mai metterci la mano sul fuoco?

Kanye West rimanda Donda

Il 23 luglio tutti i suoi fan si sono sintonizzati sulle piattaforme streaming sicuri che sarebbe stato rilasciato l’album, come riferito da tutti i comunicati stampa ufficiali da parte della sua etichetta. Ma le cose non sono andate come sperato e pensato da milioni di persone.

Kanye West
Kanye West

Nulla è apparso e lo slittamento è stato ufficializzato nelle ore successive. La nuova data di uscita? Il 6 agosto. Ma adesso nessuno vuole più credere alle sue parole e ai suoi annunci. Anche perché pare che il rapper stia ancora terminando le registrazioni. E non in uno studio, ma in uno stadio.

Kanye West vive nello stadio di Atlanta

Come riferito da TMZ, il rapper si sarebbe definitivamente trasferito nello stadio di Atlanta. Sì, proprio a viverci, almeno per qualche giorno. L’artista avrebbe scelto infatti di completare Donda all’interno dell’impianto. Probabilmente il rapper ha infatti compreso che nello stadio avrebbe potuto apportare dei miglioramenti per rendere il disco ancora più efficace, e per perfezionarlo ancora. Per poter restare comodo nell’impianto, comunque, si è fatto raggiungere da uno chef, che gli permetterà di evitare di farsi arrivare pasti dall’esterno, per non rischiare. Guardiamo qui il video ufficiale di Wash Us in the Blood.

Kanye West strillo

ultimo aggiornamento: 26-07-2021


Morgan collabora con Calcutta: in arrivo la cover di un suo grande successo

Ezio Bosso protagonista a Venezia nel film Le cose che restano