L’8 dicembre 1980 veniva ucciso l’indimenticabile John Lennon, ex membro dei Beatles e grande amore di Yoko Ono.

John Lennon ha lasciato un’eredità musicale indelebile che ha evocato, negli anni, una serie di emozioni. Canzoni come Real Love (con i Beatles), Jealous Guy e Imagine, solo per citarne alcuni, erano una testimonianza del suo genio musicale. L’8 dicembre 1980, Lennon fu ucciso a colpi di arma da fuoco davanti alla sua casa di New York City dal folle fan, Mark David Chapman.

Solo due mesi prima, il 9 ottobre 1980, Lennon aveva festeggiato il suo quarantesimo compleanno con sua moglie, Yoko Ono, e il figlio di cinque anni, Sean (che – per coincidenza – è nato il suo stesso giorno). L’occasione è stata straordinariamente importante per Lennon, poiché Ono aveva sorpreso sia suo marito che suo figlio con un messaggio scritto nel cielo sopra il loro condominio di Manhattan:

“Buon compleanno John e Sean – Vi amo, Yoko“. Quel novembre, Lennon e Ono avevano pubblicato il progetto collaborativo, Double Fantasy e, solo poche settimane prima della sua tragica morte, Lennon era felicissimo del fatto che il disco fosse stato certificato oro.

John Lennon: l’assassionio dell’ex Beatle

Lennon, ex membro dei Beatles, il gruppo rock che ha trasformato la musica popolare negli anni ’60, viene colpito e ucciso da un fan ossessionato a New York.

John Lennon e Yoko Ono
John Lennon e Yoko Ono

L’artista quarantenne stava entrando nel suo lussuoso condominio di Manhattan, quando Mark David Chapman gli ha sparato quattro volte a distanza ravvicinata con un revolver calibro 38. Il cantautore, sanguinante copiosamente, è stato portato d’urgenza in ospedale ma è morto durante il viaggio.

Chapman aveva ricevuto un autografo da Lennon all’inizio della giornata ed è rimasto volontariamente sulla scena della sparatoria fino a quando non è stato arrestato dalla polizia. Per una settimana, centinaia di fan in lutto hanno vegliato fuori al Dakota – l’appartamento di Lennon – e in tutto il mondo si sono svolte manifestazioni di lutto.

Il video di Imagine:

John Lennon ha reso – con i suoi compagni di band – i Beatles il gruppo musicale più popolare del 20° secolo. L’altro leader della band era Paul McCartney, ma il resto del quartetto – George Harrison e Ringo Starr – a volte scriveva e cantava anche le proprie canzoni.

Originari di Liverpool, in Inghilterra e, influenzati dal primo rock and roll americano, i Beatles hanno preso d’assalto la Gran Bretagna nel 1963 con il singolo Please Please Me. La Beatlemania si diffuse negli Stati Uniti nel 1964 con l’uscita di I Want to Hold Your Hand, seguito da un sensazionale tour negli Stati Uniti. Con la gioventù pronta a staccarsi dal panorama culturalmente rigido degli anni ’50, i Fab Four, con la loro musica esuberante e la loro bonaria ribellione, sono stati il ​​catalizzatore perfetto per il cambiamento.

John Lennon: le cause della morte

Sono passati quarant’anni, ma le vere cause della morte di John Lennon non sono mai venute a galla. L’assassino, ha tenuto nascosto fino a oggi il segreto del motivo del suo gesto.

Tuttavia, qualcosa è cambiato negli ultimi tempi. Mark Chapman, l’uomo che ha ucciso John Lennon, ha chiesto scusa alla vedova del defunto Beatle, Yoko Ono, 40 anni dopo la sua morte. Chapman ha sparato a Lennon quattro volte fuori dal suo appartamento a New York, sito in Manhattan, di fronte agli occhi increduli della Ono.

Durante l’udienza, Chapman ha detto di aver ucciso la rock star 40enne per “la gloria” e di aver meritato la pena di morte. Ha aggiunto che pensa all’ “atto spregevole” commesso tutto il tempo, e accetta che possa passare il resto della sua vita in prigione. “Voglio solo ribadire che mi dispiace per il mio crimine“, ha detto Chapman al comitato per la libertà vigilata presso il Wende Correctional Facility di New York. “Non ho scuse. Era per gloria personale. Penso che sia il peggior crimine che ci possa essere fare qualcosa a qualcuno che è innocente“.

La paura di Yoko Ono

Era estremamente famoso“, dice Chapman. “Non l’ho ucciso a causa del suo carattere o del tipo di uomo che era. Era un padre di famiglia. Era un’icona, qualcuno che parlava di cose di cui ora possiamo parlare ed è grande. L’ho assassinato, per usare la vostra prima parola, perché era molto, molto, molto famoso e questa è l’unica ragione ed ero molto, molto, molto, molto alla ricerca della gloria personale, molto egoista“, ha aggiunto.

Nel 2015, Yoko Ono – che ha contestato ciascuno dei tentativi di libertà condizionale di Chapman – ha detto a The Daily Beast che viveva nella paura che lui venisse rilasciato di prigione. Queste le sue dichiarazioni: “Una cosa penso: l’ha fatto una volta, potrebbe farlo di nuovo, a qualcun altro – sai. Potrei essere io, potrebbe essere Sean [suo figlio], potrebbe essere chiunque, quindi c’è quella preoccupazione“.

TAG:
John Lennon strillo

ultimo aggiornamento: 08-12-2020


Shawn Mendes e Camila Cabello insieme nel nuovo singolo natalizio: The Christmas Song

Bob Dylan ha venduto le sue canzoni alla Universal per 300 milioni di dollari