Gran successo per il Glastonbury Festival: Dalai Lama, Libertines in elicottero e il botta e risposta Kanye West-Who

Perché i Green Day si chiamano così?

Emozioni e grandi esibizioni: il Glastonbury Festival ha chiuso i battenti, ed ecco quali sono stati i momenti da ricordare dell’edizione di quest’anno.

Ha chiuso i battenti da poco ma il Glastonbury Festival 2015 ha sicuramente lasciato il segno. La kermesse, che ha avuto luogo in UK dal 24 al 28 giugno, è stata orfana dei Foo Fighters, che a causa dell’incidente occorso a Dave Grohl hanno dovuto annullare l’esibizione. Tante, però, sono state le esibizioni memorabili e i momenti da ricordare.
Su tutti la presenza del Dalai Lama, che ha festeggiato gli 80 anni: chiamato a salire sul palco da Patti Smith, che si è commossa ascoltando le sue parole. Il pubblico (in quel momento erano 100.000 le persone presenti) ha cominciato ad intonare “Happy Birthday” in coro. “L’amicizia non può essere comprata col denaro o costretta con la forza, ma può essere ottenuta solo da un sincero e caloroso affetto. Questo è quello che ho sempre praticato, e per questo voglio condividere con voi questi auguri”, sono state queste alcune delle parole pronunciate dal Dalai Lama davanti al Pyramid Stage, il palco più grande e prestigioso del Festival.
Stessa location per i Libertines di Pete Doherty che hanno stupito tutti, arrivando in elicottero, per la felicità dei fan: la band ha eseguito anche alcuni inediti che saranno presenti nel prossimo album.

C’è stato spazio anche per  Kanye West e per la frase pronunciata una volta sceso dal palco: “Sono la più grande rockstar vivente”. Frase per la quale è stato lungamente sbeffeggiato. Da chi? Dagli Who, esibitisi il giorno successivo. Pete Townshend, prima dell’ultima canzone, “Won’t Get Fooled Again”, ha chiesto ironicamente al pubblico “Chi è la più grande rockstar al mondo?”.

Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 30-06-2015

Redazione Notizie Musica