George Michael, l’autopsia conferma: è morto per cause naturali

Il mistero che ancora circondava la morte di George Michael è stato dipanato: i risultati dell’autopsia svelano il decesso per cause naturali.

George Michael ci ha lasciati molto presto, all’età di 53 anni. Sulla morte del cantante si è detto e scritto tanto e l’ipotesi più probabile sembrava essere un’overdose di droghe. Adesso però sono arrivati i risultati dell’autopsia e il coroner Darren Salter li ha resi noti alla BBC.

I risultati dell’autopsia

Il coroner Darren Salter ha rilasciato un comunicato diffuso dalla BBC, in cui spiega che le cause della morte di George Michael, scomparso il 25 dicembre 2016, sono state naturali:

“Le indagini sulla morte di George Michael si sono concluse e il rapporto finale post mortem è stato ricevuto. Dal momento che è stata confermata la motivazione naturale come causa della morte – cardiomiopatia dilatativa con miocardite e fegato grasso – l’indagine viene interrotta e non vi è alcuna necessità di un’inchiesta successiva o di eventuali ulteriori indagini.”

FB_Michael
George Michael

Nessuna overdose

Pochi giorni dopo la scomparsa del cantante di Last Christmas si era tratteggiato un quadro molto desolante dei suoi ultimi momenti di vita: George depresso e solo proprio nel giorno di Natale, che la fa finita – accidentalmente o meno – con un’overdose di droga. La realtà, però, è – come è risultato dall’autopsia – ben diversa. Fadi Fawaz, ultimo compagno di George, era persino stato accusato di avergli procurato l’ultima dose di eroina. Accuse pesanti che per fortuna si sono rivelate infondate.

Le persone vicine a Fadi avevano dichiarato, invece, di quanto fosse sconvolto per questa perdita:

“La morte di George lo ha profondamente colpito. Dovrà lottare molto per far fronte a quanto è accaduto. Siamo tutti preoccupati per lui, ci auguriamo che accetti il nostro invito ad aiutarlo.”

Anche l’ipotesi suicidio, ventilata dai media riguardo alla morte della popstar, è stata quindi completamente accantonata.

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 08-03-2017