Dolcenera, arte e musica nel nuovo album Le stelle non tremano

Perché i Green Day si chiamano così?

Un tributo all’arte e alla musica, quello di Dolcenera, di nuovo in pista con Le stelle non tremano.

Da quasi due settimane, era l’11 settembre, Le stelle non tremano di Dolcenera è stato rilasciato ed è disponibile in tutti i canali di vendita. Si tratta del sesto album dell’artista e arriva a tre da Evoluzione della Specie 2. E che sia un progetto particolare e interessante è evidente già dalla copertina del disco, pubblicato da Universal Music. Un concept che è un’opera d’arte e che nasce dalla collaborazione con il pittore, artista e body painter Guido Daniele  e con il fotografo Paolo Cecchin.
Nel totale sono undici gli inediti contenuti nel disco, tutti hanno un tema ben preciso. Il coraggio, l’amore, la caparbietà, la resistenza. Si parte dal messaggio del titolo dell’album, Le stelle non tremano, un monito che spinge a non avere paura, come spiegato dalla stessa Dolcenera. E nell’idea del disco ci sono anche Monicelli a Pasolini, da Kant a Platone, da Hesse a Gandhi. Proprio a quest’ultimo è legata la scelta della data d’uscita dell’album, l’11 settembre, per molti simbolo dell’attacco alle Torri Gemelle ma anche giornata scelta da Gandhi per il Satyagraha, il manifesto della lotta non violenta.

Un album, il nuovo di Dolcenera, scritto, arrangiato e prodotto proprio dall’artista. Hanno suonato nel disco insieme a Dolcenera, al pianoforte, anche Paolo Valli (batteria e percussioni), Antonio Petruzzelli (basso), Mattia Tedesco (chitarre), Michele Papadia (hammond e piano elettrico), Michele Monestiroli & orchestra (archi), Daniele Moretto (tromba e trombino barocco), Alessio Nava (trombone) e Francesco Sighieri (cori).

Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 22-09-2015

Redazione Notizie Musica