Dio è morto, il nuovo singolo di Gianna Nannini firmato da Guccini

Da venerdì 17 aprile sarà on air Dio è morto, il nuovo singolo di Gianna Nannini estratto da Hitalia.

Gianna Nannini da venerdì 17 aprile torna in radio con un nuovo singolo estratto dall’album Hitalia.

Dopo il successo dei primi due singoli, Lontano dagli occhi e L’Immensità, la rocker ha scelto Dio è morto di Francesco Guccini come terzo estratto dal suo ultimo progetto discografico, rilasciato lo scorso dicembre e già doppio disco di platino.

Gianna Nannini ha rivisitato a modo suo un classico del cantautore italiano con un arrangiamento nuovo, infarcito di chitarre e con la partecipazione di un coro polifonico misto, i Metro Voices. Una canzone dalla storia emblematica, visto che fu vittima di censura da parte della tv di Stato, mentre la Radio Vaticana ne promosse il grande valore culturale e umano nell’era del post Concilio Vaticano II.

La canzone è stata scritta da Francesco Guccini ed è inserita in Per quando noi non ci saremo, ovvero l’album d’esordio dei Nomadi pubblicato nel 1967. Il titolo riprende il celebre aforisma del filosofo Friedrich Nietzsche e si tratta del primo brano depositato alla Siae dall’autore sia per il testo che per la musica. Il pezzo ha partecipato al Cantagiro, tuttavia è stato ritenuto blasfemo dalla Rai che l’ha subito censurato. Dio è morto è sicuramente una delle hit più famose dei Nomadi, tanto che nel corso degli anni sono state realizzate diverse cover.

Nel frattempo l’artista si sta preparando per i prossimi concerti, visto che il tour partirà il 4 maggio dal Mandela Forum di Firenze e continuerà il 7 al Palalottomatica di Roma, il 10 al Palasport di Acireale, il 12 al Palapartenope di Napoli, il 17 al Pala Alpitour di Torino, il 20 alla Zoppas Arena di Conegliano, il 21 al Palafabris di Padova, il 23 alla Unipol Arena di Bologna ed infine il 24 al Palageorge di Montichiari.

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 15-04-2015

Licia De Pasquale