Chemical Brothers, in 8000 a Piazzola sul Brenta: scalda il pubblico Rowlands, “orfano” di Simons

Perché i Green Day si chiamano così?

Show dei Chemical Brothers a Piazzola sul Brenta: alla console c’è solo Tom Rowlands, orfano di Ed Simons, ma il pubblico si scatena lo stesso.

A Piazzola sul Brenta c’era solo Tom Rowlands, orfano di Ed Simons. Il pubblico che ha però seguito la performance dei “Chemical Brothers” non è sembrato farci caso, scatenandosi in occasione dell’Hydrogen Festival,
Rowlands ha intrettenuto gli ottomila presenti partendo da un remix di “Tomorrow never knows” dei Beatles, per poi passare a “Hey Boy Hey Girl” che ha dato il via alla serata.

Uno spettacolo degno della fama del duo di Manchester: anche la parte visiva ha avuto il giusto peso. In collaborazione con il visual artist Adam Smith, l’artista dei Chemical Brothers ha potuto contare su immagini psichedeliche, luci, visual ipnotici che hanno reso il concerto ancora più coinvolgente, lasciando spesso senza fiato il pubblico.
Nel corso di “Under the influence”, inoltre, sul palco si sono materializzati enormi robot anni ’50.

Robot 2 just kicking back pre-gig

A photo posted by The Chemical Brothers (@thechemicalbrothers) on

Rowlands ha portato anche tre brani che saranno contenuti in “Born in the echoes”, album che uscirà il prossimo 17 luglio: si tratta di “EML ritual”, “Sometimes I feel so deserted” e “Go”.
Uno spettacolo in crescendo: da “Galvanize”, che scalda il pubblico a “Block rockin’ beats”. Poi il consueto bis e il saluto di Rowlands a Piazzola sul Brenta con “The private psychedelic reel”.

Rimani sempre aggiornato sul mondo della musica, lascia la tua email qui sotto:

Privacy Policy
Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 03-07-2015

Redazione Notizie Musica