Ci sono diverse ragioni per cui l’olio CBD ha dei benefici per i musicisti. Questi includono l’aiuto per alleviare l’ansia e contribuire a ridurre l’infiammazione

Ci sono diverse ragioni per cui l’olio CBD ha dei benefici per i musicisti. Questi includono l’aiuto per alleviare l’ansia e contribuire a ridurre l’infiammazione, il che significa che gli artisti possono avere una salute migliore rispetto a prima di usare il CBD.

Naturalmente, ognuno ha la propria tolleranza al CBD, quindi i dosaggi saranno diversi su base individuale. I fattori includono l’età, il sesso e la condizione specifica che si sta cercando di trattare, quindi iniziate in piccolo e aumentate fino a quando non sentirete gli effetti desiderati.

Bisognerà prima capire le differenze tra i vari prodotti, come gli oli di canapa e CBD, oltre al capire quale effetto si desidera ottenere usando questo prodotto. Entrambi sono prodotti con caratteristiche simili, eppure in alcune cose potrebbero differire ed essere pertanto consigliati a persone diverse.

Con questo in mente, ecco le ragioni principali per cui l’olio di CBD ha dei benefici per i musicisti.

Musicista
FONTE FOTO: https://pixabay.com/it/photos/chitarrista-chitarra-ascolta-musica-768532/

Ansia da prestazione? No grazie

I risultati di uno studio, hanno mostrato che le persone che usano la CBD, hanno mostrato una riduzione dell’ansia.

Inoltre, negli Stati Uniti è in corso uno studio iniziato nel luglio 2019. È iniziato come uno studio clinico di 8 settimane in doppio cieco controllato con placebo e le prove iniziali hanno mostrato che coloro che hanno preso la CBD avevano ridotto i sintomi legati ai comportamenti ansiosi. 

Lo studio dovrebbe terminare nell’ottobre 2020, ma i primi segni sono piuttosto conclusivi.

Protezione delle corde vocali

La CBD ha proprietà antinfiammatorie, il che significa che può proteggere le corde vocali di un musicista e mantenerle in salute dopo uno spettacolo.

L’infiammazione si verifica dopo che le corde vocali sono sottoposte a uno sforzo prolungato. Mentre un farmaco per questo è disponibile, questo ha un sacco di effetti collaterali indesiderati. 

Questo può portare alla rottura delle corde vocali.

Aiuta a combattere la depressione

La depressione è comune tra i musicisti. Purtroppo, secondo uno studio di Help Musicians, il 60% di tutti i musicisti ha lottato con la salute mentale in una forma o nell’altra, con il 68% che dichiara di aver lottato con la separazione dalla famiglia e dagli amici e la solitudine.

Questo dato è reso ancora più drammatico se lo si confronta con la popolazione Italiana; i musicisti possono avere una probabilità tre volte maggiore di soffrire di depressione rispetto al pubblico in generale.

Anche in questo caso, la CBD può aiutare a combattere questo fenomeno.

Stimola la creatività

L’olio CBD non ha molto credito per questo, ma la verità è che i musicisti possono usarlo per aiutarli ad essere più creativi. 

Gli studi hanno dimostrato che l’uso del CBD aumenta il flusso di sangue al lobo frontale del cervello. Questo è significativo perché l’aumento dell’afflusso di sangue a questa parte del cervello è stato riscontrato anche in persone altamente creative, mentre quelli con un flusso sanguigno più basso verso il lobo frontale non sono così creativi.

In generale, il lobo frontale è responsabile della creatività, della risoluzione dei problemi e della pianificazione. Pertanto, le attività che lo coinvolgono tendono ad essere più creative.

FONTE FOTO: https://pixabay.com/it/photos/chitarrista-chitarra-ascolta-musica-768532/


La carriera di Anastacia in 5 canzoni

Jimi Hendrix: 50 anni fa la il suo ultimo show con Eric Burdon