Il 23 novembre 1970, Cat Stevens pubblica quello che è stato definito un vero e proprio capolavoro musicale: Tea for the Tillerman. Ecco qualche curiosità sull’album.

Cat Stevens aveva già pubblicato un album nel 1970, Mona Bone Jakon nel mese di aprile, quando Tea for the Tillerman arrivò il 23 novembre 1970. E, quasi immediatamente, le cose cambiarono per il 22enne cantautore londinese, nato Steven Demetre Georgiou.

Stevens circolava nella scena folk britannica da un po’ di tempo, scrivendo canzoni per altre persone e cercando di guadagnarsi da vivere quando iniziò a registrare il suo quarto album a Londra durante l’estate del 1970. Nessuno, nemmeno Stevens, aveva una ragione di credere che Tea for the Tillerman avrebbe venduto meglio degli altri suoi LP.

Cat Stevens, Tea for the Tillerman compie 50 anni

Tea for the Tillerman compie 50 anni. Il capolavoro di Cat Stevens festeggia la sua prima metà di secolo. Un vero successo di pubblico, che fece impallidire le vendite dei suoi precedenti album.

Tea for the Tillerman di Cat Stevens
FONTE FOTO: https://www.facebook.com/YusufCatStevens

Nessuno degli altri suoi album, d’altronde, conteneva canzoni così forti come quelle contenute in Tea for the Tillerman, una pietra miliare della carriera dell’artista e l’album che – alla fine – ha contribuito a far conoscere Stevens in tutto il mondo.

Il video di Wild World:

Tutto è iniziato con Wild World, il suo primo singolo da Top 40 (che si è fermato poco prima della Top 10 al numero 11) e si è concluso poco più di un anno dopo, quando il film cult Harold e Maude ha utilizzato le canzoni di Stevens (inclusa una manciata di Tea for the Tillerman) nella sua colonna sonora.

Tea for the Tillerman, le canzoni che hanno fatto la storia

Tea for the Tillerman è l’album che ha reso Stevens una star, quello che ha presentato la sua voce (morbida, tremolante, delicata e roca, in alcuni punti) e la scrittura (tagliente, commovente, eminentemente mormorabile) a un pubblico più vasto.

Prima di Tea for the Tillerman, era conosciuto, principalmente, come il ragazzo che ha scritto The First Cut Is the Deepest, con il quale il cantante R&B, P.P. Arnold, ha avuto un successo. In seguito è diventato una delle voci, dei volti e delle personalità più rappresentative del movimento folk degli anni ’70.

Ora, 50 anni dopo, Yusuf/Cat Stevens ha realizzato un remake dell’album con alcune nuove ispirazioni, inclusi nuovi testi e nuova strumentazione che riflette il suo amore per il blues.

FONTE FOTO: https://www.facebook.com/YusufCatStevens

TAG:
Cat Stevens strillo

ultimo aggiornamento: 23-11-2020


Vuoi imparare a suonare la chitarra da solo? Ecco cinque cose da fare

American Music Awards 2020: trionfo per Taylor Swift e The Weeknd