Canzoni che compiono 20 anni nel 2021: i brani italiani e stranieri più amati dal pubblico tra quelli pubblicati nel 2001.

Come vola il tempo. Una delle frasi più scontate, ma vere, tra quelle che escono fuori dalle nostre labbra, o rimangono impresse nella nostra mente, quando ci voltiamo indietro e scopriamo che le nostre canzoni preferite sono uscite già tanti anni fa. Ad esempio, ci sono tantissime canzoni del 2001 che ancora oggi cantiamo e amiamo come fossero di ieri. E invece nel 2021 compiono ben 20 anni… Come vola il tempo, no?

Canzoni italiane che compiono 20 anni nel 2021

Sarebbe diventata immortale l’anno dopo, nel 2002, grazie anche all’album Moreno che eliminò l’Italia dai Mondiali. Ma Baila fu a tutti gli effetti il singolo estivo di Zucchero del 2001.

Zucchero
Zucchero

Pur facendo parte di La descrizione di un attimo, album dell’anno precedente, Due destini fu rilasciato come singolo dai Tiromancino solo nel 2001, accompagnato da un bel video diretto da Frankie hi-nrg e Riccardo Sinigallia, con la partecipazione di tantissimi attori importanti, tra cui Paola Cortellesi e Pierfrancesco Favino. Ancora oggi è uno dei singoli più amati del gruppo di Zampaglione:

C’è poi E ritorno da te, uscito nel mese di settembre come primo estratto (inedito) del Best of di Laura Pausini. Una canzone entrata rapidamente nel novero dei classici del suo repertorio:

Datata maggio 2001 è invece Infinito, canzone simbolo dell’album Iperbole di Raf. Probabilmente una delle sue ballad più riuscite, intensa, romantica, malinconica ma anche potente. Chi non l’ha mai cantata a squarciagola sotto la doccia?

Ma il 2001 fu l’anno anche di un grande Sanremo, vinto da Elisa con l’indimenticabile Luce (Tramonti a Nord-Est), forse uno dei brani più belli della storia del Festival. Una canzone che riuscì a vincere davanti, tra l’altro, a un altro capolavoro: Di sole e d’azzurro di Giorgia.

In ambito più Festivalbar che Sanremo, invece, ricordiamo il 2001 anche per il tormentone La mia signorina di Neffa, il primo grande singolo in ambito pop di un artista che aveva già fatto allora la storia della nostra musica hip hop.

Ma in una carrellata di tali successi non poteva mancare Vasco Rossi. Nel 2001, in particolare, il Blasco anticipò il suo album Stupido Hotel con una power ballad potente e ancora oggi amatissima: Siamo soli.

Estate 2001 vuol dire però anche un altro tormentone rimasto nella mente di tutti noi, anche se poi non seguito da alcun altro successo per la sua interprete. Stiamo parlando di V. Rossi, ma non Vasco, bensì Valeria le sue intramontabili Tre parole:

E per chiudere questa carrellata di canzoni italiane indimenticabili, non possiamo non ricordare che il 2001 è l’anno dell’esplosione del fenomeno Tiziano Ferro, capace di raggiungere un successo immediato con il primo singolo estratto dall’album di debutto, Rosso relativo. Ricordi di che canzone si tratta? Ebbene sì: Xdono.

Canzoni del 2001: le indimenticabili

Tra i tormentoni estivi che conquistarono le nostre radio vent’anni fa ce n’è uno che in realtà risaliva a due anni prima. Stiamo parlando di Candela, signature song della portoricana Noelia (a proposito, che fine ha fatto?). Un pezzo che ha fatto ballare milioni di italiani, grazie a un ritmo pop latino già in voga in quel periodo:

Ma i primi anni Duemila furono anche il periodo d’oro dei Gorillaz, la prima band virtuale al mondo, nata dalla mente geniale di Damon Albarn. Il loro singolo più importante uscì proprio nel 2001: Clint Eastwood.

Altro brano amatissimo, e ancora oggi molto passato in radio, è Drops of Jupiter della band californiana Train. Un pezzo pubblicato nel luglio del 2001 e disco di platino nel nostro paese. Riascoltiamolo insieme:

E sempre in ambito rock, il 2001 fu l’anno di How You Remind Me, il singolo che lanciò definitivamente la carriera dei canadesi Nickelback. Con buona pace di tutti i detrattori della band dei fratelli Kroeger, da anni ormai considerati da molti amanti della musica rock un gruppo di bassa levatura.

Ma il 2001 fu anche l’anno di un altro brano rivoluzionario in ambito rock. In the End, pubblicato come quarto estratto da Hybrid Theory, il disco di debutto dei Linkin Park. Un lavoro entrato di diritto nella leggenda:

TAG:
canzoni strillo

ultimo aggiornamento: 30-12-2020


Michael Stipe: “Il mio nuovo album lo realizzerò da solo, anche se non so suonare uno strumento”

Le migliori canzoni del 2020 secondo Barack Obama