Il nuovo documentario del regista Peter Jackson punta a sradicare i miti che aleggiano intorno alle sessioni di Let It Be.

Il regista Peter Jackson ha presentato in anteprima alcuni minuti del suo prossimo documentario basato sul film Let It Be dei Beatles. Variety riferisce che la proiezione è avvenuta nella vetrina annuale della Universal Music, che coincide con i Grammy Awards.

Jeff Jones della Apple Records ha affermato che – a causa della percezione relativa al fatto che il film del 1970 rappresentasse uno sguardo deprimente dei Beatles che si separavano – Jackson è stato portato a ripulire digitalmente vecchi filmati, rimuovendo quella che il giornalista Jem Aswad ha descritto come “l’atmosfera oscura” dell’originale.

È un processo simile a quello che ha fatto il regista durante la colorazione del filmato della Prima Guerra Mondiale in They Shall Not Grow Old.

Abbiamo creato un film nuovo di zecca che tenterà di sradicare il mito secondo cui le sessioni di Let It Be sono state il chiodo finale nella divisione dei Beatles“, ha detto Jones.

Beatles, il nuovo documentario dà una nuova visione di Let It Be

Il progetto del regista Peter Jackson del film Let It Be dei Beatles ha lo scopo di dissipare l’atmosfera cupa del film originale che sembrava mostrare la rottura dei Fab Four.

Il CEO di Apple Records, Jeff Jones, ha spiegato che il regista è stato coinvolto al fine di ripulire digitalmente il filmato, per rimuovere, si spera, l’atmosfera fredda e impersonale che ha segnato il film originale del 1970.

Abbiamo creato un film nuovo di zecca che tenterà di sradicare il mito secondo cui le sessioni di Let It Be sono state il chiodo finale nella bara dei Beatles“, ha detto Jones, secondo quanto riporta Variety.

Di seguito, il video di Let It Be:

Il film è stato così controverso quando è uscito per la prima volta. Quando siamo riusciti a ripristinarlo a metà strada, abbiamo esaminato le scene tagliate e ci siamo resi conto che questa roba è ancora controversa. Ha sollevato molti vecchi problemi “, ha detto il dirigente dei Beatles, Neil Aspinall, all’epoca.

Il film è stato disponibile in home video dagli anni ’80. Le riprese del film sono apparse nell’ampia serie di documentari del 1995, The Beatles Anthology, ma l’uscita in DVD è stata fissata nel 2007.

Let It Be, l’ultimo album dei Beatles

Il regista de Il Signore degli Anelli ha recentemente completato un altro progetto in cui ha colorato i filmati della prima guerra mondiale. Il suo lavoro sul progetto Let It Be è stato paragonato alla ricontestualizzazione che deriva dalla colorazione di filmati datati.

Let It Be è stato l’ultimo album in studio dei Beatles, sebbene sia stato registrato prima di Abbey Road. La versione del film di Jackson include clip di John Lennon, Paul McCartney, George Harrison e Ringo Starr che ridono e scherzano, come i vecchi amici che erano, in scene che non sono mai state inserite nel montaggio finale dell’originale.

Presenta anche scene della band che provano canzoni per Abbey Road e ripercorrono i primi arrangiamenti. Il regista ha avuto accesso a quello che ha definito uno “straordinario tesoro storico” della leggenda dei Beatles, tra cui 55 ore di film e 140 ore di audio.

Nel contesto, Apple Records suggerisce che i momenti drammatici rappresentati nel film precedente sembrano molto meno significativi e non indicativi della registrazione nel suo insieme.

Let It Be di Jackson non è un whitewash, (una sorta di mascheramento) come alcuni potrebbero suggerire, ma una “contro-narrativa” del film originale, come riporta Jem Aswad di Variety.

The Beatles
The Beatles
TAG:
beatles news

ultimo aggiornamento: 30-01-2020


James Morrison torna in Italia: ecco la data del concerto

Le migliori canzoni della Premiata Forneria Marconi