Achille Lauro sarà un’installazione vivente al Museo delle Culture di Milano: l’annuncio del cantante sui social.

Achille Lauro diventa arte. E lo fa trasformandosi in un’installazione vivente. Il cantante, già grande protagonista a Sanremo negli ultimi tre anni, due volte come concorrente, poi come ospite fisso in tutte e cinque le serate con i suoi famosi ‘quadri’, ha annunciato sui social una presentazione straordinaria del libro fotografico Achille Idol is Present, Photo Book Experience. Un evento che avverrà al Mudec – Museo delle Culture di Milano il 22 settembre, e che vedrà Lauro diventare un’installazione.

Achille Lauro
Achille Lauro

Achille Lauro come Marina Abramovic?

La performance del cantautore, classe 1990, è un tributo a una delle più grandi artiste del Novecento e del Duemila, Marina Abramovic, e in particolare alla sua performance al MoMA di New York nel 2010, intitolata The Artist Is Present, che vide l’artista seduta per mesi davanti a un tavolo di legno nel mezzo del museo, incrociando lo sguardo dei presenti che si confrontavano, uno alla volta, con la sua presenza.

La performance di Achille Lauro

L’evento consisterà in una mia installazione vivente“, ha spiegato Laudo attraverso un post su Instagram, aggiungendo che inaugurerà un allestimento still life di backstage delle sue famose performance a Sanremo. La sua presentazione andrà in scena il 22 settembre al Mudec, mentre dal 23 settembre sarà disponibile e aperta al pubblico per tre settimane la mostra. Un’ennesima prova di quanto l’ex trapper stia diventando sempre più un’icona non solo della musica, ma del mondo dell’arte tout court, come aveva già ampiamente dimostrato sul palco dell’Ariston, tra mille critiche e duemila elogi da parte di buona parte della carta stampata e della critica specializzata. Di seguito il post con l’annuncio del cantante:

Achille Lauro strillo

ultimo aggiornamento: 21-09-2021


Cosmo rinvia i concerti di Bologna: “Non è colpa del Covid, ma della burocrazia”

Raggi gamma è il nuovo singolo di Sangiovanni: la reazione di Giulia Stabile