Pino Daniele: a 3 anni dalla morte la famiglia fa una rivelazione shock!

La famiglia di Pino Daniele ha fatto emergere una scioccante verità: secondo loro il cantante avrebbe potuto essere salvato.

Pino Daniele è scomparso il 4 gennaio 2015, e a 3 anni dalla tragica scomparsa di uno degli artisti che hanno scritto una fetta di storia della musica italiana, la sua famiglia ha fatto emergere la scioccante rivelazione che probabilmente il musicista avrebbe potuto essere salvato.

A conferma di questo è arrivata la tesi di un pool di esperti, che dopo aver riesaminato il caso avrebbero ammesso che per Pino Daniele fu fatale il ritardo dopo l’operazione subita per il bypass cardiaco, e che con un intervento più tempestivo le cose sarebbero potute andare diversamente.

Le perizie sulla morte di Pino Daniele

Il settimanale Giallo ha rivelato il contenuto del referto istituito dalla perizia medica al tribunale di Roma, secondo cui ad uccidere il cantante sarebbe stato “lo shock cardiogeno in soggetto affetto da cardiomiopatia dilatativa post-ischemica, coronaropatico e sottoposto a intervento di by-pass aortocoronarico, iperteso.”

Pino Daniele
Pino Daniele

Pino Daniele, infatti, è stato colpito dall’infarto mentre si trovava nella sua casa in Toscana, ma aveva deciso di farsi trasportare d’urgenza all’ospedale Sant’Eugenio di Roma. Questa è stata secondo i medici una scelta rischiosa, specialmente perché il cantante necessitava di un intervento pronto e immediato.

Nella perizia infatti è scritto: “La scelta di ricorrere alle cure dell’ospedale Sant’Eugenio in Roma ha privato il Daniele della possibilità di giovarsi di opportunità terapeutiche in modo tempestivo“.

Gli ulteriori dettagli sulla morte di Pino Daniele

A peggiorare le condizioni del cantante anche il trasporto in auto: Pino Daniele avrebbe dovuto assumere una posizione supina, mentre lo stare seduto in macchina avrebbe aggravato ulteriormente la sua condizione, creando degli accumuli di sangue nelle “zone declivi” del corpo, che potrebbero aver contribuito al decesso.

La morte del cantante era stata accolta con grande rammarico nella comunità musicale, e i fan si erano stretti attorno alla famiglia di quello che è stato uno dei musicisti più amati della storia italiana. In sua memoria la figlia Sara, nel dicembre 2016, gli aveva dedicato un commovente post.

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 05-01-2018