Morgan: “Mi sta cadendo il naso, ma non pippo cocaina”

Perché i Green Day si chiamano così?

Il cantautore Morgan comincia a vedere su di sé i segni del tempo e non ne è affatto contento: in particolare è il naso a preoccuparlo.

Morgan è senz’altro un tipo eccentrico e affascinante, che tiene molto a presentarsi in una certa maniera e a scegliere con cura il proprio abbigliamento. Anche lui, però, comincia a considerare il fatto di non essere più giovanissimo e, anzi, comincia a sentirsi un po’… “cadente”. Anche se in fondo ha solo 44 anni, il cantautore, che si è auto-eliminato da Amici dopo essersi sentito attaccato dal pubblico e da Rudy Zerbi, sostiene che il suo naso stia cadendo e che ormai fatica a riconoscersi nelle foto!

Morgan Castoldi
Morgan Castoldi

“Devo contattare un chirurgo”

In un’intervista rilasciata a Linkiesta, il cantante si è confessato:

“È evidente se guardi il mio naso. Praticamente ho la caduta di Varsavia sulla faccia, da un paio d’anni non mi riconosco più nelle foto. Mio padre aveva il naso più lungo di quello di Battiato e diceva sempre che le belle chiese hanno il campanile alto. Ma a me non me ne frega niente, io voglio il naso di James Dean, mica quello di Lando Buzzanca! Piuttosto resto povero ma devo assolutamente contattare un chirurgo, uno bravo. Anche perché oltretutto fa malissimo: si sfalda la cartilagine, sembra che il naso ti cada, un’agonia…”

Quello che Morgan ha tenuto a specificare è che il suo decadimento fisico non ha nulla a che vedere con la dipendenza dalle droghe: tiene infatti a ribadire di non assumere cocaina:

“Non mi sta cadendo il naso perché pippo cocaina. È solo per via di un processo di invecchiamento che capita a tutti, anche a voi che state leggendo. Godetevi il vostro naso perfetto dai 16 ai 25 anni poi non potrà che andare sempre peggio. Però, davvero, io non pippo cocaina. Ho solo il nasone”.

Rimani sempre aggiornato sul mondo della musica, lascia la tua email qui sotto:

Privacy Policy
Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 13-06-2017

Caterina Saracino