Michael Bublé: il figlio Noah è guarito dal cancro, la famiglia torna in Argentina

Perché i Green Day si chiamano così?

Il figlio di Michael Bublé, il piccolo Noah, finalmente ha vinto la sua difficile battaglia contro il tumore e ora la famiglia è tornata a casa.

Dopo lunghi mesi di dolore e di speranza, ora la famiglia di Michael Bublé torna di nuovo a vedere la luce. Il piccolo Noah, che era stato colpito da una forma di cancro, è guarito. Il bambino era stato curato in un ospedale americano e finalmente adesso è tornato a casa, in Argentina, insieme agli adorati genitori.

Si torna a casa

Michael Bublé aveva lasciato Buenos Aires, la città dove viveva con la moglie Luisana Lopilato, bellissima modella, per poter assicurare al loro figlio le cure migliori. Già a febbraio le condizioni del piccolo Noah, di 4 anni, sembravano essere in miglioramento. Il pluripremiato cantante aveva voluto condividere un messaggio su Facebook, per informare i suoi milioni di fan della bella notizia e ringraziare tutti per il sostegno, oltre naturalmente ai medici che hanno curato il bambino:

“Siamo molto grati di comunicare che le cure stanno procedendo bene per nostro figlio Noah. I dottori sono molto ottimisti sul futuro del nostro piccolino. È sempre stato coraggioso e continuiamo a essere ispirati dal suo coraggio. Ringraziamo Dio per la forza che ha dato a tutti noi. La nostra gratitudine per i dottori e coloro che si sono presi cura di lui, non può essere espressa a parole. Vorremmo ringraziare le migliaia di persone che hanno pregato e ci hanno inviato i loro auguri. Mentre continuiamo questo cammino, siamo confortati dal vostro sostegno e amore.”

Una famiglia di nuovo felice

Sia Michael che sua moglie avevano lasciato il loro lavoro per potersi dedicare completamente alla guarigione del loro figlio. Adesso che il bambino sta bene e che la famiglia è tornata felice, piano piano potrà tornare tutto alla normalità. Ci uniamo alla gioia della famiglia!

Rimani sempre aggiornato sul mondo della musica, lascia la tua email qui sotto:

Privacy Policy
Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 03-04-2017

Caterina Saracino