Marco Carta, dedica al cane Ettore morto: la tua assenza mi dilania l’anima

Marco Carta ha sfogato il dolore per la perdita dell’amato cane Ettore con dei lunghi messaggi sui social.

Il cantante sardo Marco Carta ha voluto condividere con le sue migliaia di fan il dolore per la perdita del suo amico a quattro zampe, il piccolo carlino di nome Ettore.

La dedica di Marco

Inizia così la dolce dedica che il cantante, ex vincitore di Amici e partecipante alla scorsa edizione de L’Isola dei Famosi, ha condiviso con i suoi follower su Instagram:

Rientrare a casa, vederti così, avvolgerti col mio giubbotto e correre in clinica, vedere il tuo sguardo chiedermi aiuto. Ero lì vicino a te e lo sono stato per tutta la tua breve vita. Sono così fiero di essere stato tuo padre. Averti conosciuto e cresciuto è stato l’onore più grande della mia vita.

Marco ha ricordato in particolare il grande affetto che il suo cane gli dimostrava e la sua grande capacità, comune a tutti i cani, di sollevargli il morale quando era “avvelenato”:

Ti ho amato da subito e da subito col tuo sguardo intelligente hai rapito il mio cuore. La tua assenza mi dilania l’anima, il dolore mi mangia. Mi manca il tuo affetto, il tuo sguardo fiero, mi manca il rumore che facevi, mi manca il tuo modo prepotente di mettermi le zampe addosso, i tuoi improvvisi gesti d’affetto.

Papà si riprenderà perché era così che volevi vedermi, allegro. Quando non ero felice eri capace di prenderti una parte del mio veleno per farmi stare meglio.

Ettore, amore mio ti saluto e non ti lascio, verrò a trovarti tutti i giorni nei cassetti della memoria senza lasciarti mai solo, tranquillo io non mi dimenticherò di te macchietta nera. Addio mon amour. Passerò la vita a ricordare l’essere speciale che sei stato. Love. Tuo per sempre, papà.

Fonte foto: Instagram Marco Carta

Rimani sempre aggiornato sul mondo della musica, lascia la tua email qui sotto:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 27-01-2017

Caterina Saracino