Tanti auguri David Hasselhoff: le canzoni più belle del bagnino-rocker

Attore ma non solo: David Hasselhoff è anche un cantante che negli Stati Uniti ha riscosso un incredibile successo. Andiamo alla scoperta delle cinque migliori canzoni del bagnino di Baywatch.

Attore reso noto da Baywatch Supercar, David Hasselhoff (17 luglio 1952) è anche un cantante molto prolifico. Poco conosciuto in Italia, negli Stati Uniti David ha riscosso un notevole successo con le sue canzoni. Andiamo a scoprire i cinque brani più belli dell’attore e cantante americano.

Le cinque migliori canzoni di David Hasselhoff

Le canzoni di David Hasselhoff hanno superato a fatica i confini statunitensi ma va detto che in patria hanno fatto cantare e ballare migliaia di persone. Esordisce agli inizi degli anni Ottanta con l’hard rock, genere dilagante nell’America di quegli anni, poi si dedica alla disco music, quella caratterizzata dai riff di tastiera e i ritmi battenti e ripetitivi. E irisultati vi sorprenderanno.

David Hasselhoff, Looking for Freedom

Anno 1989, il look di David è quello della rockstar. Capelli lunghi e un po’ spettinati, sguardo penetrante e giacca di pelle. La musica è quella del musical in stile quasi gospel, solo con stacchi di batteria e tastiera onnipresente. Il risultato? Pubblico in visibilio che batte le mani a tempo di musica.

Di seguito il video di Looking For Freedom:

David Hasselhoff, True Survivor

Pubblicata in pieni anni Duemila, True Survivor è un inno agli anni Ottanta, gli anni d’oro di David. La scelta è coraggiosa ma riuscita. Passano gli anni e lui veste i panni di un super eroe fantascientifico. La musica è la disco-music di un tempo. quella che si muove al ritmo della drum machine e della tastiera. Va detto che nonostante l’età le doti canore restano notevoli.

Di seguito il video di True Survivor:

David Hasselhoff, Jump in My Car

Anno 2006, pieno revival degli anni Ottanta che David Hasselhoff cavalca con rinnovato spirito d’iniziativa. Una seconda giovinezza o un disperato attaccamento agli anni trascorsi, dipende dai punti di vista. La canzone in realtà è una parodia di sé stesso per qualche minuto torna a vestire i panni di Michael Knight, l’ex poliziotto di Supercar. Tre minuti di nostalgia. Missione compiuta.

Di seguito il video di Jump in My Car

David Hasselhoff, Song of the Night

Facciamo un salto indietro e torniamo al 1989, l’habitat naturale di David che si sbizzarrisce in una canzone destinata a far ballare mezza America. Una disco-music ballad dal riff coinvolgente e il ritornello che resta impresso, fatto apposta per essere cantato. E in effetti lo avrebbero cantato in migliaia.

Di seguito il video di Song of the Night:

David Hasselhoff, Our First Night Together

Il night rocker, come si faceva chiamare il bel bagnino, nel 1985, agli inizi della sua carriera da musicista, stupisce tutti con la sua chitarra elettrica e i suoi riff molto hard rock. Forse Our First Night Togheter è la canzone più bella di Hasselhoff. Aggiunge poco rispetto al filone musicale dominante in America in quegli anni ma lo interpreta con classe e grinta, assolo di chitarra incluso. Promosso.

Di seguito il video di Our First Night Together:

David Hasselhoff, la discografia

Nonostante gli impegni della sua carriera di attore (di particolare successo), David Hasselhoff è un musicista particolarmente prolifico. Sono tredici i dischi pubblicati dal cantante statunitense, altrettanti i singoli, l’ultimo dei quali, True Survivor, datato 2015. Alla faccia della carta d’identità.

Il disco d’esordio di David è Night Rocker, forse l’unica opera prettamente rock prima della virata verso la musica da discoteca. Domina la fine degli anni Ottanta con Lovin’ Feelings (1987), Knight Lover (1989) e Looking For Freedom (1989), poi negli anni Novanta si presenta con Crazy for You. Pubblica una media di un disco ogni anno fino al 1997, poi chiude la discografia con Magic Collction del 2000.

Fonte foto: https://www.facebook.com/davidhasselhoff/

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 16-07-2018

Nicolò Olia