Notizie Musica - Feed https://notiziemusica.it Notizie musica Mon, 18 Feb 2019 18:40:42 +0000 it-IT hourly 1 https://wordpress.org/?v=5.0.3 Notizie Musica https://notiziemusica.it/wp-content/uploads/2018/01/notizie-musica.png https://notiziemusica.it 125 40 https://notiziemusica.it Auguri a Seal: le curiosità sul grande cantante britannico https://notiziemusica.it/chi-e-seal/curiosita/ Mon, 18 Feb 2019 18:40:42 +0000 Mauro Abbate https://notiziemusica.it/?p=414584 Seal: la carriera, la vita privata e le curiosità sul cantante britannico di Kiss from a Rose. Seal è una delle voci più interessanti della musica britannica degli anni Novanta. Artista versatile, capace di emozionare il pubblico con una calda voce soul ma anche di ‘riciclarsi’ in vesti più commerciali e pop, senza dimenticare una […]]]>

Seal: la carriera, la vita privata e le curiosità sul cantante britannico di Kiss from a Rose.

Seal è una delle voci più interessanti della musica britannica degli anni Novanta. Artista versatile, capace di emozionare il pubblico con una calda voce soul ma anche di ‘riciclarsi’ in vesti più commerciali e pop, senza dimenticare una naturale predisposizione al funk e all’R&B, mister Samuel continua ancora oggi a essere uno dei cantanti più rispettati al mondo.

Scopriamo insieme alcune curiosità sulla sua carriera e la sua vita privata, movimentata dalla storia d’amore con Heidi Klum.

Chi è Seal

Seal Henry Olusegun Olumide Adeola Samuel è nato a Londra il 19 febbraio 1963 sotto il segno dell’Acquario. Originario della Nigeria da parte di madre e del Brasile da parte di padre, si è laureato in Architettura prima di diventare famoso come cantante.

Negli anni Ottanta si unisce al gruppo funk dei Push, con cui va in tour in Giappone. Durante la tournée asiatica, il cantante decide però di lasciare la band per unirsi a un gruppo thailandese e girare per il continente.

Una volta tornato in Inghilterra, Seal incontra il produttore Adamski, con cui incide Killer nel 1990, canzone di grande successo:

Dopo aver raggiunto il primo posto nella classifica dei singoli, pubblica nel 1991 il primo album, Seal. Da questo disco vengono estratti altri brani di successo straordinario, come Future Love Paradise e soprattutto Crazy.

La sua carriera prende il volo e nel 1996 l’artista britannico riesce a conquistare due importantissimi Grammy grazie al brano Kiss from a Rose, riconosciuto me Miglior registrazione dell’anno e Miglior canzone dell’anno.

Continua nel proprio successo con il disco Human Being del 1998. Il successivo Togetherland, che inizialmente avrebbe dovuto essere pubblicato nel 2001, viene cancellato dall’etichetta discografica, che lo ritiene privo di potenziale commerciale.

Solo nel 2006 il disco vedrà la luce sulle piattaforme streaming. Nel frattempo Seal dà alle stampe Seal IV, ottenendo però un successo relativo. Nel prosieguo degli Duemila non mancano comunque i successi, come il Grammy per la Miglior interpretazione vocale maschile pop grazie al singolo Amazing.

Tra i suoi progetti più importanti degli anni recenti va ricordato il duetto con Mina nella canzone You Get Me del 2010. Il suo ultimo album in studio risale invece al 2017 e s’intitola Standards.

La vita privata di Seal: moglie e figli

La relazione più importante di Seal è stata quella con la modella Heidi Klum. I due si sono sposati il 10 maggio 2005 e sono rimasti insieme fino all’aprile del 2012.

Dalla loro relazione sono nati i tre figli di Seal: Henry Gunther Adeola Dashtu Samuel nel 2005, Johan Riley Fyodor Taiwo Samuel nel 2006 e Lou Sulola Samuel nel 2009. Seal ha anche adottato Helene Boshoven, figlia di Heidi Klum e Flavio Briatore.

4 curiosità su Seal

-Seal è affetto dal lupus eritematoso discoide, un problema dermatologico che gli ha procurato diverse cicatrici sul volto e una precoce perdita di capelli.

-Nel 1992, poco dopo la morte di Freddie Mercury, ha partecipato al Freddie Mercury Tribute Concert, interpretando Who Wants to Live Forever.

-Seal è alto 1 metro e 92.

-Su Instagram Seal ha un account ufficiale da oltre 155mila follower.

Di seguito il video del famoso brano Crazy:

FONTE FOTO: https://www.facebook.com/Seal

]]>
Tanti auguri a Tony Iommi: le curiosità sul chitarrista dei Black Sabbath https://notiziemusica.it/chi-e-tony-iommi/curiosita/ Mon, 18 Feb 2019 17:57:09 +0000 Mauro Abbate https://notiziemusica.it/?p=414596 Tony Iommi: la carriera, la vita privata e le curiosità sul chitarrista dei Black Sabbath. Tra i chitarristi che più hanno impresso il proprio nome nella storia dello strumento, non può che entrare di diritto anche Tony Iommi. Questo maestro della chitarra senza due dita ha saputo fare del proprio deficit un punto di forza, […]]]>

Tony Iommi: la carriera, la vita privata e le curiosità sul chitarrista dei Black Sabbath.

Tra i chitarristi che più hanno impresso il proprio nome nella storia dello strumento, non può che entrare di diritto anche Tony Iommi. Questo maestro della chitarra senza due dita ha saputo fare del proprio deficit un punto di forza, passando alla storia come uno dei più grandi ‘fabbricanti’ di riff (ma anche di splendidi assoli) di sempre.

Andiamo a scoprire insieme tutte le curiosità sulla sua carriera e la sua vita privata.

Chi è Tony Iommi

Frank Anthony Iommi è nato a Birmingham il 19 febbraio 1948 sotto il segno dell’Acquario. Fin da bambino appassionato di musica, specialmente di jazz e blues, viene molto ispirato negli anni Cinquanta-Sessanta dagli Shadows, e in particolare dal chitarrista Hank Marvin.

Negli anni delle scuole conosce il cantante Ozzy Osbourne. Terminati gli studi, inizia a lavorare in un’officina. Dopo una breve ma fondamentale esperienza da turnista nei Jethro Tull verso la fine del 1968, decide di diventare musicista professionista, ma proprio negli ultimi anni di lavoro in officina una pressa gli amputa le falangi superiori del medio e dell’anulare della mano destra.

Il tentativo di riattaccargli le parti amputate fallisce, e così una volta dimesso dall’ospedale, Tony è costretto a provare a suonare da destrimano. Non riuscendoci, cade in profonda depressione.

Fortunatamente, l’artista riesce a riprendersi ascoltando il celebre chitarrista Django Reinhardt, a sua volta menomato ad una mano da un incidente. Se il belga, con una mano e mezza, era riuscito a farcela, perché Tony non avrebbe dovuto almeno tentarci? Incoraggiato, Iommi decide di rimettersi a suonare, grazie anche ad alcune protesi da lui stesso realizzate con la plastica di alcuni tappi di detersivo.

Per suonare meglio con le nuove protesi, Tony sceglie di accordare la chitarra un semitono sotto rispetto allo standard, per rendere più morbide le corde. Questo dà alla sua chitarra un suono cupo, che diventerà ben presto marchio di fabbrica dei Black Sabbath.

Con lo storico gruppo di Ozzy Osbourne, Bill Ward e Geezer Butler, nei primi anni Settanta Tony dà alle stampe alcuni degli album fondamentali della storia del metal: Black Sabbath, Paranoid, Master of Reality, Vol. 4, Sabbath Bloody Sabbath e Heaven and Hell.

Di seguito il video di Paranoid dei Black Sabbath, uno dei brani simbolo della formazione inglese:

L’addio di Ozzy frena le fortune della band, anche se nel corso degli anni Ottanta l’epopea dei Sabbath non si arresta, grazie anche all’ingresso nella band di cantanti di grande spessore come Ronnie James Dio, Ian Gillan e Glenn Hughes.

Oltre alla carriera con la mitica formazione heavy metal, Tony si rende protagonista di un breve percorso solista, seppur meno fortunato. Il suo primo album senza la band viene pubblicato, con il nome di Iommi, nel 2000. Al suo interno figurano ospiti importanti come Ozzy, Phil Anselmo, Brian May e tanti altri ancora.

Nel corso degli anni, ha dato alla luce altri due dischi, l’ultimo nel 2006, senza mai riuscire a lasciare un’impronta importante da solista.

Di seguito il video di un solo di Tony Iommi da brividi:

La vita privata di Tony Iommi

Tony Iommi ha avuto una relazione negli anni Ottanta con la celebre cantante Lita Ford. Più tardi si è sposato con Maria Sjöholm. Dalla loro unione è nata la sua unica figlia, Toni-Marie Iommi, cantante del gruppo LunarMile.

7 curiosità su Tony Iommi

-Tony Iommi è alto 1 metro e 83.

-Famoso in tutto il mondo come grandissimo chitarrista, Iommi suona in realtà anche il pianoforte e il flauto.

-Tony Iommi ha chiare origini italiane. I suoi nonni paterni erano originari di Frosinone, mentre la madre Sylvia Maria Valenti è nata a Palermo.

-Tony Iommi e Brian May, chitarrista dei Queen, sono legati da una profonda e stretta amicizia. Non a caso hanno spesso collaborato insieme, e Tony è stato uno degli ospiti d’onore del Freddie Mercury Tribute Concert del 1992.

-Nel corso della sua carriera ha lavorato anche con Skin.

-Qual è la malattia di Tony Iommi? Un cancro con cui l’artista lotta dall’ormai lontano 2012.

-Su Instagram Tony Iommi ha un account da oltre 34mila follower.

Di seguito il video di Tony Iommi e Brian May sulle note di I Want It All dei Queen:

FONTE FOTO: https://www.facebook.com/tonyiomm

]]>
La proposta di legge della Lega: “In radio 1 canzone italiana su 3” https://notiziemusica.it/la-proposta-di-legge-della-lega-sulle-radio-italiane/news/ Mon, 18 Feb 2019 17:33:07 +0000 Mauro Abbate https://notiziemusica.it/?p=414610 La Lega ha avanzato una proposta di legge per obbligare le radio a trasmettere almeno 1 canzone italiana ogni 3. Più musica italiana in radio. Questa la nuova proposta della Lega. Dopo essersi inserita nelle discussioni sul Festival di Sanremo all’indomani della kermesse, la politica italiana, e in particolare il partito di Matteo Salvini, torna […]]]>

La Lega ha avanzato una proposta di legge per obbligare le radio a trasmettere almeno 1 canzone italiana ogni 3.

Più musica italiana in radio. Questa la nuova proposta della Lega. Dopo essersi inserita nelle discussioni sul Festival di Sanremo all’indomani della kermesse, la politica italiana, e in particolare il partito di Matteo Salvini, torna a parlare di musica con una proposta di legge riguardante le canzoni italiane trasmesse dalle emittenti radiofoniche.

Una proposta che ha già suscitato molto clamore, tra chi rifiuta tale idea in nome della libertà di scelta e chi invece l’approva per difendere le nostre tradizioni musicali. Ma in cosa consisterebbe tale legge nel dettaglio? Scopriamolo insieme.

La proposta di legge sulle radio della Lega

Ad avanzare la proposta depositata a Montecitorio è stato il presidente della Commissione Trasporti della Camera, Alessandro Morelli della Lega. In pratica, il suo provvedimento fisserebbe una quota per tutte le emittenti, nazionali e private: il 33% dei passaggi radiofonici dovrà essere dedicato alla musica italiana.

Non solo. Perché di questo 33%, il 10% dovrà essere appannaggio di giovani autori e di piccole case discografiche. Una proposta letta da molti in chiave politica, ma che in realtà vuole essere “il più trasversale possibile“, come affermato dallo stesso Morelli, che spera di raccogliere il maggior numero di firme tra tutti i gruppi parlamentari.

La proposta di legge sulle radio della Lega: le reazioni

In molti, specialmente dalle opposizioni e da alcune testate nazionali, hanno però gridato allo scandalo, etichettano tale proposta come autarchica e anacronistica.

Anche perché, va detto, è stata collegata dall’onorevole Morelli al pensiero, quantomeno opinabile, secondo cui la canzone vincitrice del Festival di Sanremo, Soldi di Mahmood, avrebbe dimostrato “che le lobby e gli interessi politici hanno la meglio rispetto alla musica“.

Nonostante le basi debolissime a fondamento di tale proposta della Lega, c’è però chi ha dato fin da subito pieno appoggio a una soluzione del genere, tra l’altro già presente in altri Paesi europei come la Francia.

Tra gli artisti, il primo a esporsi è stato Al Bano, che ha anzi auspicato una quota maggiore di musica italiana in radio (addirittura 7 canzoni su 10!). Ma anche il direttore generale della Siae, Gaetano Blandini, si è detto favorevole a una proposta del genere, per dare impulso alla crescita e allo sviluppo della nostra identità musicale.

Insomma, il dibattito è più aperto che mai. E tu da che parte stai?

Di seguito il video di Soldi, il brano vincitore del Festival di Sanremo:

FONTE FOTO: https://www.facebook.com/MahmoodWorld/

]]>
Gué Pequeno live nel 2019: svelati gli ospiti della data di Milano https://notiziemusica.it/gue-pequeno-date-in-italia-nel-2019/news/ Mon, 18 Feb 2019 16:47:27 +0000 Mauro Abbate https://notiziemusica.it/?p=409771 Il rapper milanese Gué Pequeno sarà in tour nel 2019 e per la prima volta si esibirà anche in un palazzetto: ecco tutti i dettagli. Gué Pequeno è pronto a partire in tour nel 2019. Il celebre rapper milanese, che ha lanciato il 14 settembre 2018 il suo quinto album in studio come solista, sarà […]]]>

Il rapper milanese Gué Pequeno sarà in tour nel 2019 e per la prima volta si esibirà anche in un palazzetto: ecco tutti i dettagli.

Gué Pequeno è pronto a partire in tour nel 2019. Il celebre rapper milanese, che ha lanciato il 14 settembre 2018 il suo quinto album in studio come solista, sarà per la prima volta di scena in un palazzetto, al Mediolanum Forum di Milano il 16 marzo. Ma non è finita qui. Gué si esibirà infatti in tutta Italia in alcuni dei club più prestigiosi nella primavera del 2019. Scopriamo insieme tutte le date della sua tournée.

Guè Pequeno in tour nel 2019: le date

Forte del successo di Sinatra, già certificato con il disco d’oro, l’ex membro dei Club Dogo ha annunciato le date che seguiranno la sua prima esibizione al Forum. Per ora si tratta di cinque imperdibili appuntamenti per gli amanti del rap e della trap, ma è più che possibile che nei prossimi mesi a queste date vengano aggiunti nuovi show.

Ecco il calendario completo del tour di Gué Pequeno:

– il 16 marzo al Mediolanum Forum di Milano
– il 22 marzo al Demodè di Modugno (Bari)
– il 23 marzo alla Casa della Musica di Napoli
– il 30 marzo al Vox di Nonantola (Modena)
– il 3 aprile al Gran Teatro Geox di Padova
– il 4 aprile all’Atlantico di Roma

I biglietti per i concerti sono disponibili sul circuito TicketOne.

Gué Pequeno al Forum: tutti gli ospiti

Nella prima data del 2019 dell’ex Club Dogo ci saranno una serie di ospiti da far quasi invidia al Festival di Sanremo, kermesse nella quale anche Gué è apparso quest’anno in veste di ospite del duetto del vincitore Mahmood.

Ovviamente, al Forum ci sarà anche lui, il trionfatore del Festival. Che ci scappi un nuovo live su Soldi? Oltre all’artista di origine egiziana ci saranno però praticamente tutti i grandi nomi della trap italiana (più qualche chicca proveniente da generi molto diversi).

Ecco la lista completa: Carl Brave, la Dark Polo Gang, Drefgold, Elodie, Elettra Lamborghini, Enzo Avitabile, Frah Qintale, Gemitaiz, Il Profeta, Izi, Lazza, Luchè, Mahmood, Marracash, Noyz Narcos, Rkomi e Sfera Ebbasta.

Quasi tutti gli artisti chiamati in causa da Gué sono presenti nei featuring dell’album Sinatra.

Riascoltiamo questo grande successo di Gué Pequeno guardandoci il video diretto da Igor Grbesic e Marc Lucas:

]]>
Irama primo in classifica con Giovani per sempre: “Dopo le polemiche, parla la musica” https://notiziemusica.it/irama-giovani-per-sempre-primo-in-classifica/news/ Mon, 18 Feb 2019 15:55:15 +0000 Mauro Abbate https://notiziemusica.it/?p=414593 Irama, Giovani per sempre primo nella classifica degli album FIMI. Tra Mahmood e Ultimo, Irama gode. Si potrebbe sintetizzare così la telenovela post Sanremo (anche se il vincitore del Festival sta accumulando record, in attesa dell’uscita dell’album Gioventù bruciata). Perché, se è vero che il popolo si è diviso tra chi sostiene l’artista milanese e […]]]>

Irama, Giovani per sempre primo nella classifica degli album FIMI.

Tra Mahmood e Ultimo, Irama gode. Si potrebbe sintetizzare così la telenovela post Sanremo (anche se il vincitore del Festival sta accumulando record, in attesa dell’uscita dell’album Gioventù bruciata). Perché, se è vero che il popolo si è diviso tra chi sostiene l’artista milanese e chi difende il cantautore romano, è altrettanto vero che Irama sta mettendo d’accordo quasi tutti.

Il suo nuovo album, Giovani per sempre (special edition di Giovani) è infatti in testa alla classifica FIMI degli album. Per Irama, in pochi mesi si tratta del terzo numero uno: aveva raggiunto la vetta con l’EP Plume e l’aveva bissata con l’uscita della standard edition di Giovani.

Irama, Giovani per sempre: un album da record

Per Irama il terzo numero uno è già un record. Negli scorsi anni, pochi artisti avevano piazzato due numeri uno in pochi mesi (si parla di Marco Mengoni, Laura Pausini ma anche Riki), ma quasi nessuno ne aveva messi in fila tre.

Sono felice“, ha dichiarato sui social Irama, “dopo le emozioni, le polemiche, le tante parole, è la musica che parla. Grazie di cuore a tutti. La mia musica è arrivata, e questa è la mia più grande soddisfazione“.

Irama, La ragazza con il cuore di latta

Non solo l’album. Perché il grande successo post Sanremo di Irama è figlio anche dell’apprezzamento da parte di quasi tutti del brano La ragazza con il cuore di latta.

Il suo pezzo proveniente dal Festival è al terzo posto nella classifica FIMI dei singoli, dietro ai soli Mahmood e Ultimo, e ha già raggiunto i 6 milioni e più di stream su Spotify. Numeri importanti, accresciuti anche dalle views su YouTube (già oltre i 10 milioni). Insomma, vero che Sanremo lo vince solo uno, e che quell’uno non è stato Irama, ma di certo il vincitore di Amici non può definirsi uno dei grandi sconfitti di questa edizione della kermesse.

Di seguito il video di La ragazza con il cuore di latta:

]]>