Notizie Musica - Feed https://notiziemusica.it Notizie musica Tue, 17 Jul 2018 17:44:00 +0000 it-IT hourly 1 https://wordpress.org/?v=4.9.7 Notizie Musica https://notiziemusica.it/wp-content/uploads/2018/01/notizie-musica.png https://notiziemusica.it 125 40 https://notiziemusica.it Tanti auguri Frankie hi-nrg: ascolta le sue migliori canzoni https://notiziemusica.it/tanti-auguri-frankie-hi-nrg-ascolta-le-sue-migliori-canzoni/senza-categoria/ Tue, 17 Jul 2018 17:44:00 +0000 Lorenzo Martinotti https://notiziemusica.it/?p=406309 Scopriamo insieme le migliori canzoni di Frankie hi-nrg, il rapper senza peli sulla lingua con la passione per la sceneggiatura. Nato il 18 luglio 1969, Francesco di Gesù comincia a fare musica negli anni Novanta con lo pseudonimo di Frankie hi-nrg mc, pseudonimo che lo renderà uno dei volti più promettenti della scena italiana. Le […]]]>

Scopriamo insieme le migliori canzoni di Frankie hi-nrg, il rapper senza peli sulla lingua con la passione per la sceneggiatura.

Nato il 18 luglio 1969, Francesco di Gesù comincia a fare musica negli anni Novanta con lo pseudonimo di Frankie hi-nrg mc, pseudonimo che lo renderà uno dei volti più promettenti della scena italiana. Le sue sono canzoni schiette, dirette, senza troppi fronzoli, che affrontano svariati temi sociali e politici. E a fianco della sua passione per la musica si sviluppa la passione per la sceneggiatura, tant’è che molti suoi video sono scritti e diretti da lui in prima persona.

In occasione del suo compleanno, scopriamo le migliori canzoni di Frankie hi-nrg!

I migliori brani di Frankie hi-nrg

Frankie hi-nrg: Pedala

Cominciamo da un brano recente, estratto dal sesto album in studio del rapper, Essere Umani. Si tratta di Pedala, canzone che è stata portata da Frankie all’edizione del 2014 del Festival di Sanremo, arrivando addirittura all’ottavo posto. Per di più, successivamente, la canzone è stata scelta come sigla del Giro d’Italia dal 2014 sino al 2016. Ecco il video:

Frankie hi-nrg: Chiedi chiedi

Facciamo un salto indietro fino al 2003, quando dal terzo album in studio dell’artista viene estratto il singolo Chiedi chiedi. È un Frankie più deciso, che gioca con le parole e affronta tematiche sociali impegnate, proprio come in questo brano dove si parla degli opportunisti che si fingono amici, ma nel momento del bisogno poi si tirano sempre indietro. Ecco il videoclip ufficiale. E vediamo se riconoscete la band all’interno del clip!

Frankie hi-nrg: Rap Lamento

Siamo sempre nel 2013, e sempre all’interno del terzo album dell’artista, Ero un autarchicoRap lamento è di certo una della sue canzoni più famose e rappresenta al meglio la poetica di Frankie. Nel pezzo il rapper si scaglia contro i politici italiani, immaginando una partita di calcio dove le squadre sono solo all’apparenza contrapposte, ma in realtà giocano per arrivare ad uno stesso obiettivo comune. Andiamo a riascoltarci la canzone insieme:

Frankie hi-nrg: Quelli che benpensano

È la canzone più recente che abbiamo selezionato, ma è anche la più famosa. Parliamo della inconfondibile Quelli che benpensano, una base che è impossibile non riconoscere sin dalle prime note. Pubblicata nel 1997, si tratta di una canzone che si scaglia contro gli arrampicatori sociali, gli yuppi degli anni Novanta, che vengono descritti nel dettaglio con ironia da Frankie. Ecco la canzone per voi:

]]>
Conosci il vero significato e la storia di Don’t Look Back In Anger? https://notiziemusica.it/dont-look-back-in-anger-significato-e-storia/news/ Tue, 17 Jul 2018 15:20:40 +0000 Lorenzo Martinotti https://notiziemusica.it/?p=406376 Dalla scrittura di Noel Gallagher al simbolo della lotta contro il terrorismo: ecco la storia della canzone Dont’ look Back In Anger degli Oasis. Se siete fan degli Oasis, non potete non conoscere Don’t Look Back in Anger. E se non lo siete, beh, probabilmente vale lo stesso discorso. Perché siamo di fronte senza ombra […]]]>

Dalla scrittura di Noel Gallagher al simbolo della lotta contro il terrorismo: ecco la storia della canzone Dont’ look Back In Anger degli Oasis.

Se siete fan degli Oasis, non potete non conoscere Don’t Look Back in Anger. E se non lo siete, beh, probabilmente vale lo stesso discorso. Perché siamo di fronte senza ombra di dubbio a uno dei brani più importanti non solo della band inglese, ma della storia della musica. Ma conoscete la storia e il significato del brano?

La storia di Don’t Look Back In Anger: curiosità e genesi

Come la maggior parte delle canzoni degli Oasis, anche questa fu scritta da Noel. Era il 1996, e gli Oasis avevano appena finito di registrare uno dei più grandi dischi della loro carriera: (What’s the Story) Morning Glory?, dal quale fu estratta proprio Don’t Look Back in Anger.

Il brano è diventato il secondo singolo del gruppo a raggiungere il primo posto nelle classifiche, e successivamente, a diventare disco di platino. Per di più, si tratta del primo brano in cui Noel sostituisce Liam nel ruolo di cantante, cosa che successivamente accadrà invece per altri brani.

Don’t Look Back in Anger: il significato della canzone

Dagli Oasis non ci si può certo aspettare una banale risposta, e questo vale anche per il significato delle loro canzoni. In numerose interviste è stato chiesto alla band che cosa volesse dire Don’t Look Back in Anger

Noel, l’autore del brano, ha spesso affermato di averla scritta sotto uso di droghe, e che proprio per questo non saprebbe quale senso dargli. Liam, tuttavia, non è mai stato d’accordo, e ha sempre detto che un senso c’è, anche se non sa quale.

Insomma, come sempre siamo di fronte a una verità difficile da analizzare. Ma una domanda sorge spontanea. Chi è la Sally del ritornello? Beh, anche in questo caso un prima risposta potrebbe lasciare delusi: Noel ha dichiarato che Sally non esiste, e che semplicemente stava bene a livello metrico.

Poi, però, più avanti lo stesso Gallagher ha rivelato che si tratterebbe della sorella di Lyla, protagonista femminile di un altro pezzo della band. Dunque un fondo di verità esiste…

Negli ultimi anni, poi, il brano ha assunto un nuovo inedito significato, e da canzone che voleva raccontare come sia importante non avere rimpianti è diventata un inno di resistenza nei confronti del terrorismo, dopo l’attentato di Manchester durante il concerto di Ariana Grande.

Beh, non possiamo che lasciarci andando ad ascoltare il brano. Ecco il video di Don’t Look Back In Anger:

FONTE FOTO: https://www.facebook.com/OasisOfficial/

]]>
Alla scoperta delle migliori canzoni di Francesco De Gregori https://notiziemusica.it/le-migliori-canzoni-di-francesco-de-gregori/news/ Tue, 17 Jul 2018 12:52:03 +0000 Nicolò Olia https://notiziemusica.it/?p=405566 Le migliori canzoni di Francesco De Gregori: da La donna cannone a La leva calcistica della classe ’68, un grande viaggio nei grandi successi del cantautore italiano. Cantautore simbolo della musica italiana, Francesco De Gregori con i suoi successi continua a far cantare e commuovere migliaia di persone. Romantico e profondo, socialmente impegnato e poetico, […]]]>

Le migliori canzoni di Francesco De Gregori: da La donna cannone a La leva calcistica della classe ’68, un grande viaggio nei grandi successi del cantautore italiano.

Cantautore simbolo della musica italiana, Francesco De Gregori con i suoi successi continua a far cantare e commuovere migliaia di persone. Romantico e profondo, socialmente impegnato e poetico, De Gregori è un evergreen alla portata di tutti che in qualche modo incontra e fonde i gusti più disparati.

Andiamo allora alla scoperta delle sue migliori canzoni!

Le migliori canzoni di Francesco De Gregori

Sono tanti, anzi tantissimi i successi di De Gregori che resteranno per sempre nella storia della musica e nella cultura italiana: da Generale, ripresa da Vasco Rossi e riconsegnata al grande pubblico dopo che il suo fascino si era spento, a La donna cannone, uno degli inni di tante generazioni.

Francesco De Gregori, La donna cannone

E proprio da La donna cannone inizia il nostro viaggio musicale tra le migliori canzoni di Francesco De Gregori. Poesia in musica, una delle più belle dichiarazioni d’amore che un cantautore italiano abbia mai cantato. Poche le parole per descrivere il pezzo, anzi una: capolavoro.

Di seguito il video de La donna cannone:

Francesco De Gregori, Generale

Altro pezzo storico di Francesco De Gregori è Generale, una visione della guerra originale, innovativa, che si concentra su un aspetto solitamente trascurato dalla musica (ma non solo): il ritorno a casa, quel senso di nostalgia per l’esperienza appena conclusa e quel sentimento contrastante per l’inizio della nuova vecchia vita.

Ecco il video di Generale di De Gregori:

Francesco De Gregori, Rimmel

Pubblicata nel 1975, è la title track di uno degli album più belli e significativi di Francesco De Gregori. Rimmeli è una canzone innovativa che irrompe nel mondo della musica italiana, dove a farla da padrone erano le canzoni leggere e poco impegnate, estremamente positive fino ad essere sdolcinate. Ma di successo. De Gregori inverte bruscamente la tendenza introducendo un altro aspetto della tematica amorosa: il dolore.

Riascoltiamola insieme. Ecco per voi il video di Rimmel:

Francesco De Gregori, Buonanotte Fiorellino

Ma nel repertorio di Francesco De Gregori non mancano però anche canzoni decisamente più leggere. Tra questa quella simbolo è Buonanotte Fiorellino, una dolce ninna nanna terzinata con sfumature che rimandano alla musica classica e un po’ a quella di Bob Dylan, uno dei artisti di maggiore influenza intorno alla metà degli anni Settanta.

Di seguito il video di Buonanotte Fiorellino di De Gregori:

Francesco De Gregori, La leva calcistica della classe ’68

E qui siamo forse all’apice delle emozioni cantate e trasmesse dalla calda voce di De Gregori. Calcio e musica, due delle passioni principali degli italiani, diventano un unico grande e travolgente flusso di sensazioni. Un’intera carriera calcistica in pochi minuti di poesia, il tutto accompagnato da un giro di pianoforte da brividi.

Riascoltiamo insieme La leva calcistica della classe ’68:

Francesco De Gregori e Bob Dylan

La musica di De Gregori è legata a doppio filo con quella di Bob Dylan, il menestrello che ha rivoluzionato il mondo della musica americana prima e mondiale poi.

De Gregori ha provato a fondere la musica di Dylan con la sua e il risultato è stato decisamente positivo. Non si è limitato a raccogliere dal collega ma ha anche tradotto i suoi grandi successi.

L’ultimo album di Francesco De Gregori (De Gregori canta Bob Dylan – Amore e furto) è infatti una raccolta di traduzioni dei successi di Bob Dylan. L’arrangiamento è fedele a quello originale perché, a detta del cantautore italiano, sarebbe stato stupido mettere mano ai capolavori, mentre l’interpretazione dei testi risente e molto della magica atmosfera che solo De Gregori sa riprodurre.

FONTE FOTO: https://www.facebook.com/fdegregori/

]]>
J-Ax, che emozione all’Aquafan di Riccione: “È come tornare a casa” https://notiziemusica.it/j-ax-il-concerto-allaquafan-di-riccione/news/ Tue, 17 Jul 2018 08:46:59 +0000 Lorenzo Martinotti https://notiziemusica.it/?p=406359 Un vero e proprio delirio per J-Ax, che si è esibito durante la prima serata del Night & Day – Walky Cup Version. Ecco com’è andata la serata! Un pubblico caldissimo, che ha accolto J-Ax con un entusiasmo e un’emozione spropositati. Ecco com’è andata la serata di domenica 15 luglio 2018 presso la discoteca Walky Cup […]]]>

Un vero e proprio delirio per J-Ax, che si è esibito durante la prima serata del Night & Day – Walky Cup Version. Ecco com’è andata la serata!

Un pubblico caldissimo, che ha accolto J-Ax con un entusiasmo e un’emozione spropositati. Ecco com’è andata la serata di domenica 15 luglio 2018 presso la discoteca Walky Cup dell’Aquafan di Riccione, la prima di una serie di eventi che coloreranno l’estate italiana fino al 19 di agosto.

J-Ax all’Aquafan di Riccione

Un concerto sicuramente ricco di emozioni per il rapper milanese, che arriva dalla fine della sua collaborazione con il cantante e amico Fedez. È stato proprio J-Ax ad inaugurare la serie di domeniche della Night & Day – Walky Cup Version, durante le quali l’Aquafan si trasformerà in un vero e proprio villaggio aperto 24 ore su 24, con grande protagonista la musica.

«Faccio parte di quella generazione di ragazzi che sognava tutto l’anno di venire qui. Sono salito per la prima volta su questo palco nell’estate del 1993. Dormivo a casa di un barista e mangiavo con i buoni del fast food», ha raccontato J-Ax, come è riportato dal quotidiano Altarimini.it.

Un’esperienza che lo ha riportato alla sua giovinezza e ai ricordi della sua adolescenza. Insomma, che lo ha riportato a casa: «Ho baciato le ragazze dietro ogni boschetto intorno alla Walky Cup. Questo posto ogni volta che ci vengo mi fa rinascere. Stasera vedere attorno a me, ragazzi, genitori e bambini che cantano tutti insieme le mie canzoni, rappresenta per me quella carica di energia per andare avanti: qui ho bisogno di venire almeno una volta all’anno».

Night & Day – Walky Cup Version: tutti gli appuntamenti

Dopo il primo, grandissimo evento di apertura della rassegna, Night & Day – Walky Cup Version continuerà a proporre altri grandi concerti, a cominciare dal 22 luglio, quando salirà sul palco Capo Plaza. Il 29 luglio previsti invece i fratelli Vinai, mentre il 5 ci sarà Vegas Jones.

Si continua il 12 agosto con il rapper di origini genovesi, Tedua, per poi arrivare all’ultima serata, domenica 19 agosto, quando si esibirà Biondo, uno fra i talenti rivelazione dell’edizione 2018 di Amici di Maria De Filippi.

Fonte Foto: https://www.instagram.com/j.axofficial/

]]>
Tutto su Lenny Kravitz, l’uomo che ha detto no ad Angelina Jolie https://notiziemusica.it/la-carriera-e-la-vita-privata-di-lenny-kravitz/curiosita/ Tue, 17 Jul 2018 08:14:17 +0000 Nicolò Olia https://notiziemusica.it/?p=404921 Alla scoperta di Lenny Kravitz: dal banco del pesce al lampadario disegnato per Swarowski passando per Duke Ellington e… Angelina Jolie. Leonard Albert Kravitz (26 maggio 1964), meglio conosciuto come Lenny Kravitz, è considerato come uno dei cantanti più influenti della musica contemporanea. Il suo timbro di voce inconfondibile e il suo ritmo hanno conquistato milioni […]]]>

Alla scoperta di Lenny Kravitz: dal banco del pesce al lampadario disegnato per Swarowski passando per Duke Ellington e… Angelina Jolie.

Leonard Albert Kravitz (26 maggio 1964), meglio conosciuto come Lenny Kravitz, è considerato come uno dei cantanti più influenti della musica contemporanea.

Il suo timbro di voce inconfondibile e il suo ritmo hanno conquistato milioni di persone. Eppure anche per Romeo Blue, primo nome d’arte scelto dal cantante, la strada verso il successo è stata decisamente difficile… e ricca di curiosità!

La carriera di Lenny Kravitz: dal banco del pesce al ‘No’ ad Angelina Jolie

Personaggio decisamente eclettico, Lenny Kravitz cresce con una smisurata passione per la musica. Sembra che il suo primo incontro con la musica sia avvenuto intorno ai cinque anni, quando a dargli una prima e rudimentale lezione di pianoforte sarebbe stato addirittura Duke Ellington, o meglio Edward Kennedy “Duke” Ellington, noto direttore d’orchestra e compositore statunitense.

Prosegue la sua carriera da musicista in erba suonando una batteria improvvisata fatta di pentole, entra nel coro della Metropolitan Opera e… ai tempi delle medie si presenta a scuola travestito da Gene Simmons. Difficile trovare un fan dei Kiss più sfegatato di lui.

La musica, come noto, è una passione che spesso non paga (economicamente parlando). Ai tempi del liceo, particolarmente prolifico dal punto di vista musicale visto che tra i compagni di Lenny Kravitz c’era Slash dei Guns  N’ Roses, il futuro erede di Hendrix si guadagnava da vivere lavorando… al mercato del pesce! A lui spettava  l’arduo compito di sventrare e friggere.

L’ascesa sarà poi repentina e lo ripagherà di tutti i sacrifici. Stiamo parlando di un artista che si è potuto concedere il lusso di dire no ad Angelina Jolie che si era proposta come protagonista per il video di Stand By My Woman.

Vincitore per quattro anni consecutivi del Grammy come Best Male Rock Vocal Performance, record non da poco nella carriera del cantante, Lenny Kravitz è anche un collezionista: tra i suoi pezzi pregiati la console da registrazione Redd 37 dei Beatles. Mica male!

E se non avesse fatto il cantante? In pochi sanno che Lenny ha la passione del design: ha aperto un’azienda tutta sua e ha disegnato un lampadario per Swarowski. Anche la moda, fra le altre cose, è una sua grande passione, e infatti spesso l’artista viene pararazzato a causa dei suoi look eccentrici e degni di nota. Celebre il caso della sciarpa di Lenny Kravitz, una sorta di coperta enorme avvolta attorno al collo, una sorta di plaid di lana color terra bruciata di dimensioni esagerate!

Va detto che anche come attore non se l’è cavata male il buon Lenny Kravitz. I film di Zoolander e Hunger Games lo hanno lanciato anche nello star system di Hollywod. Insomma, c’è qualcosa che non abbia fatto?

La vita privata di Lenny Kravitz: la figlia e le relazioni

A proposito di cinema, moglie di Lenny Kravitz è stata l’attrice Lisa Bonet, resa famosa dal telefilm I Robinson. I due sono stati coinquilini in California e si sono sposati nel 1987. A distanza di un anno la coppia vivrà la nascita di Zoe Isabella Kravitz.

Proprio Lisa ha scommesso sul talento di suo marito, che all’epoca si presentava con il nome d’arte Romeo Blue, e lo aiutò a incidere il suo primo album. I due, poi, si sono separati nel 1993.

Tra le relazioni illustri di Lenny Kravitz spicca quella con Nicole Kidman: proprio al lei è dedicata la canzone Lady.

Di seguito il video di Again di Lenny Kravitz:

Fonte Foto: https://www.facebook.com/lennykravitz/

]]>