Fabi-Silvestri-Gazzè: grande chiusura del tour al Postepay Rock in Roma

Perché i Green Day si chiamano così?

Alle Capannelle di Roma si è chiuso il tour di Fabi-Silvestri-Gazzè: in 20.000 per il trio.

L’occasione per terminare in bellezza la tournée “Il padrone della festa tour” è stata offerta dalla cornice delle Capannelle e del Postepay Rock in Roma. Lì si sono esibiti insieme Fabi-Silvestri-Gazzè: il trio giovedì sera, accompagnato dai musicisti che seguono i tre artisti nelle loro tappe, hanno deciso di chiudere nella Capitale il tour, nonostante dovesse essere il live del 22 maggio scorso all’Arena di Verona l’ultimo appuntamento.

Oltre 20.000 spettatori, a Roma, hanno assistito ad uno spettacolo che non ha deluso nessuno: nemmeno chi aveva già assistito ad altre esibizioni del trio, dato che la capacità dei tre, anche grazie al sostegno dei musicisti, è quella di presentare ad ogni show qualcosa di nuovo e particolare.

Fabi, Silvestri e Gazzè non hanno solo eseguito i propri brani di successo ma hanno anche regalato quelli del disco “Il padrone della festa”, che dà il nome alla tournée. Grande atmosfera e cambi repentini di ritmo, ma sempre seguendo un filo logico: la malinconia di “Mentre Dormi” lascia spazio a “Costruire”, poi “L’autostrada” e poi il medley  composto da un brano di ciascuno di loro. “Capelli”, “Occhi da orientale” e “Il timido ubriaco”, tre pezzi amatissimi dai fan.

Si chiude con “Cohiba” e “Il padrone della festa”: tutti soddisfatti per uno spettacolo che è valso il prezzo del biglietto. E c’è tempo per il ritorno sul palco nonostante l’ora tarda (quasi l’una del mattino): il trio esegue “Alzo le mani”, coinvolgendo il pubblico che canta insieme ai tre.

Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 01-08-2015

Redazione Notizie Musica