Adele parla del figlioletto Angelo: “Cresce rispettando le donne”

La cantante inglese Adele, fresca di Grammy Awards, ha parlato del suo adorato figlioletto Angelo, avuto da Simon Konecki…

La 28enne Adele e il 42enne Simon Konecki, che forse si sono già sposati, sono gli orgogliosi genitori del piccolo Angelo, che ha 4 anni ed è senz’altro un bimbo fortunato. In un’intervista concessa a OK Magazine, la cantante britannica ha parlato dell’educazione che sta dando al suo primogenito:

“Lo sto tirando su nel rispetto delle donne. Lui sa che sono una forza potente.”

Adele porta sempre con sé il figlio durante i suoi concerti in giro per il mondo.

“Si sente a casa, per non parlare di quando si tratta di lavorare con me. E lui viene davvero ovunque con me!”

Sembra però che adesso la cantante voglia fermarsi per un po’, perché intende allargare la famiglia e avere al più presto un altro figlio, una sorellina o un fratellino per Angelo.

Un grande amore

Sul palco dei Grammy Awards (ne ha vinti in tutto 15, nella sua carriera), la cantante aveva dichiarato:

“La ragione per cui continuo a fare tutto ciò siete voi: mio marito e il mio bambino.”

E nelle interviste Simon e Adele non fanno che parlare del grande amore che provano l’uno per l’altra. Lui ha dichiarato, teneramente:

Ci apparteniamo da tempo”.

E lei, di rimando, ha risposto:

“Il mio uomo è forte, il mio uomo è leale“.

Un grande amore, quello tra Simon e Adele, che li fa felici già da qualche e che forse, stando al suo lapsus freudiano ai Grammy, potrebbero già essersi sposati.

Nell’intervista a Ok Magazine la cantante ha ribadito quanto  si senta grata per aver vinto anche quest’anno diversi Grammy. Sul palco aveva spezzato simbolicamente (ma anche letteralmente) la statuetta per dividere il premio con Beyoncé, secondo lei meritevole del premio come best album.

Rimani sempre aggiornato sul mondo della musica, lascia la tua email qui sotto:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 22-02-2017

Caterina Saracino